La Fim Cisl alla Sevel: “Troppi recuperi produttivi per lavoratori sotto stress”

Questa presa di posizione da parte della Sevel serve solo a peggiorare le condizioni di lavoro e gli umori dei lavoratori e non realmente a fare produzione. Auspichiamo che nei prossimi giorni si apra un tavolo di trattativa con tutte le organizzazioni sindacali per condividere il progetto produttivo 2019 e non azioni unilaterali. In alternativa chi farà scelte diverse se ne assumerà anche la responsabilità”.

Questa la posizione della Fim Cisl alla notizia che i vertici della fabbrica del Ducato hanno deciso di far effettuare due turni di straordinari, primo e secondo turno di sabato, 16 febbraio, anche per il recupero dello stop per neve. Il sindacato dei metalmeccanici, in una nota sottolinea come “nelle precedenti riunioni avute con la Sevel abbiamo fatto più volte presente di non persistere in questa scelta visto che sono anni che i lavoratori, in modo scrupoloso, svolgono tutti gli straordinari e recuperi produttivi. Con i tanti sacrifici che quotidianamente svolgono e le problematiche legate ai ritmi di lavoro, con saturazione prossimo allo zero, meritino più considerazioni e rispetto. Ormai sembra acclarato che nei prossimi mesi la Sevel debba subire modifiche per rispondere alle nuove richieste di mercato e per questo la nostra richiesta, per evitare i sabati pomeriggio e di stressare tutto il sistema, sia quella di velocizzare un confronto serio sulla turnazione da effettuarsi in modo equo, anche sulla retribuzione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *