Fossacesia, è realtà l’informatizzazione dello sportello unico edilizio comunale (Sue)

Fossacesia è tra i primi Comuni in Abruzzo a dotarsi del software per l’informatizzazione delle pratiche edilizie. In linea con le direttive nazionali e per agevolare il rapporto tra cittadini e Amministrazione, il Comune di Fossacesia ha infatti attivato in questi giorni un nuovo programma che permetterà di velocizzare e semplificare le pratiche edilizie.

Una novità che riveste importanza anche per dare risposte ai tanti che intendono investire nel settore turistico di Fossacesia, in continua crescita. Il software, infatti, permetterà a chiunque di conoscere lo stato dell’attività edilizia, le pratiche in corso ed il loro stato di avanzamento, con una indicazione del tipo di attività e degli operatori. L’iter procedimentale dei vari fascicoli potrà essere seguito on line, in tempo reale da tutti i soggetti interessati: cittadini, professionisti tecnici ed operatori di settore (progettisti, notai, legali, imprese ecc.). Il tutto in totale assenza di carta.

“L’introduzione di questo innovativo programma, dimostra che quella di Fossacesia è un’Amministrazione dinamica, efficiente ed efficace in grado di offrire risposte adeguate al mondo del lavoro, che è in continua evoluzione – ha dichiarato il Sindaco, Enrico Di Giuseppantonio -. Una novità prevista da una legge dello Stato e alla quale il settore Urbanistica e Edilizia, guidato dal geom. Domenico Moretti, ha dato seguito”.

“Ci saranno vantaggi – dichiara Lorenzo Santometo, Consigliere Comunale delegato alla Promozione di Fossacesia Città Digitale -. L’utilizzo del portale, oltre a eliminare le code agli uffici, consentirà a ogni tecnico di verificare in qualsiasi momento, tramite una password, lo stato della pratica dei suoi clienti. Ciò permetterà di verificare in modo trasparente e corretto l’iter della pratica e gli uffici comunali si troveranno ad avere più tempo da dedicare anche ad altre funzioni. Pertanto a trarne vantaggio saranno l’Ufficio Tecnico, i professionisti esterni e soprattutto gli stessi cittadini/utenti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *