Pescara, due arresti e droga sequestrata in blitz a Rancitelli

C’era da spettarselo ed arrivato con un ampio spiegamento di forze dell’ordine. Oggi, il quartiere Rancitelli e via Lago di Capestrano sono state messe al setaccio da Polizia, Carabinieri, della Guardia di Finanza e della Polizia Municpale. Dall’inizio del nuovo anno, si tratta della 26ma volta che vengono eseguiti controlli in queste zone. Stavolta, il blitz è seguito all’aggressione della troupe della Rai di qualche giorno fa, immagini che hanno fatto il giro d’Italia, portando alla luce anche lo stato di degrado della periferia pescarese, nella quale imperversano i clan malavitosi dediti allo spaccio di droga. Gli stupefacenti, anche oggi, sono stati gli obiettivi sui quali hanno puntato dritto le forze dell’ordine. Il bilancio parla di due arresti, entrambi appartenenti a famiglie rom : il primo C.D. di 36 anni, perche trovato in possesso di 124,7 gr. di eroina e 46,4 di cocaina; l’altro fermato, B.C. di 26, perché trovato in possesso di 178,6 grammi di eroina, 22,3 di cocaina e 3,10 mdi metanfetamina. Rinvenuti inoltre, 102,19 grammi di eroina; 71,35 di cocaina e 85,23 di hascish. Inoltre, in un nascondiglio di un condominio di via Ferro di Cavallo sono stati trovati e sequestrati 2 cartucce calibro 12 e un coltello a serramanico. Sono state eseguite 8 perquisizioni e identificate 199 persone; controllati 26 veicoli, di cui 6 sequestrati poiché sprovvisti di copertura assicurativa; una delle autovetture sequestrate è di proprietà della compagna di uno degli aggressori della troupe della Rai.

I carabinieri, coordinati dal capitano Antonio Di Mauro, si sono occupati dei controlli nelle case in via Lago di Capestrano con l’ausilio delle unità conofile di Chieti. In un vano ascensore, i cani hanno fiutato la marijuana e in uno scantinato sono stati trovati i proiettili di piccolo calibro.

Durante i servizi, è stato richiesto l’intervento del personale dell’ATER, che gestisce gli immobili di edilizia popolare, per ripristinare la muratura di un appartamento del civico 171, secondo piano, che era stata già parzialmente abbattuta al fine della sua occupazione abusiva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *