Nuovi controlli delle forze dell’ordine a Rancitelli

Questa mattina, la Polizia di Stato (Reparto Prevenzione Crimine, Squadra Volante, Squadra Mobile, Squadra Amministrativa della P.A.S.I.), Polizia Municipale e Guardia di Finanza che ha partecipato anche impiegando la propria Unità Cinofila antidroga, hanno presidiato l’intero quartiere e le zone adiacenti, con l’obiettivo di dare maggiore impulso all’attività di prevenzione e repressione dello spaccio di sostanze stupefacenti, ma anche di altri illeciti di microcriminalità diffusa, quali furti, rapine e ricettazione, ad esso collegati.

Nel corso dell’operazione sono state identificate 42 persone; sono state effettuate 8 controlli ad automezzi; sono stati effettuati 2 sequestri amministrativi di sostanza stupefacente; è stata effettuata una contestazione dell’art. 75 D.P.R. 309/90 per consumo personale di sostanza stupefacente; sono state effettuate 6 denunce a piede libero per contravventori al Foglio di Via Obbligatorio; è stata individuata e recuperata una autovettura Autobianchi Y10, risultata rubata in data 22 febbraio scorso Pescara.

L’attività di controllo ha portato, nel pomeriggio di ieri, in seguito ad un controllo amministrativo di un Circolo Privato sito nel quartiere, ad accertare che era abusivamente attaccato alla rete elettrica nazionale. Pertanto, si è proceduto a denunciare a piede libero il Presidente del Circolo per furto aggravato di energia elettrica.

In particolare, il controllo eseguito dai poliziotti della Squadra Amministrativa, coadiuvati dai tecnici del Servizio Distribuzione Energia, ha permesso di individuare un allaccio abusivo alla linea elettrica, con conseguente sequestro e rimozione del contatore.

Nella sede del Circolo Privato sono stati identificati numerosi avventori che, sebbene tutti soci, sono risultati con precedenti di polizia, appartenenti alle categorie dei soggetti con particolari tendenza a delinquere e, pertanto, sono in corso ulteriori approfondimenti, tenuto conto dell’inquadramento normativo del circolo la cui attività primaria è di natura solidaristica e aggregativa, ma non di certo commerciale (i circoli privati sono attività no-profit) oppure di favorire la frequentazione di persone pericolose.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *