Alessio Allegrini con i fiati dell’Orchestra Sinfonica Abruzzese

Torna dopo 24 anni dal suo debutto come solista sul palco dell’Orchestra Sinfonica Abruzzese il grande musicista Alessio Allegrini, primo corno solista dell’Orchestra Nazionale di Santa Cecilia, della Lucerne Festival Orchestra e dell’Orchestra Mozart fondata dal Maestro Claudio Abbado. Allegrini, sarà questa volta in veste di direttore e guiderà una formazione cameristica formata dai fiati dell’Orchestra Sinfonica Abruzzese a parti reali con l’aggiunta di tre archi (viola, violoncello e contrabbasso). Due gli appuntamenti della 44° Stagione ISA di cui sarà protagonista: sabato 23 marzo alle 18 all’Aquila, al Ridotto del Teatro Comunale “V. Antonellini” e domenica 24 marzo alle 18 ad Atri, nel Teatro Comunale. Il pubblico potrà ascoltare due capolavori: la Serenata n. 2 in la maggiore op. 16 di Johannes Brahms e la Serenata in re minore op. 44 per fiati di Antonin Dvorak, due autori legati da profonda stima ed amicizia, reciproco stimolo umano e professionale, tra i massimi compositori dell’Ottocento, capaci di recepire la lezione dei grandi predecessori e di adeguarla al proprio tempo innovandola.

Così il direttore Alessio Allegrini, uno dei più apprezzati cornisti a livello internazionale, commenta il suo “ritorno” con l’Orchestra Sinfonica Abruzzese per questa produzione: “Sono molto felice di essere qui perché all’Orchestra Sinfonica Abruzzese è legato uno dei miei debutti. Con loro nel 1995 ho eseguito il IV Concerto di Mozart che è diventato poi uno dei miei cavalli di battaglia. In questa occasione torno da direttore ed è molto bello lavorare con un gruppo di professori d’orchestra che suoneranno a parti reali, cioè quasi in un rapporto uno a uno. Eseguiremo poi due capolavori di Brahms e Dvorak che ci permetteranno di emozionarci: al pubblico che ci seguirà raccomando quindi di ascoltarci ad occhi chiusi e con il cuore aperto”.

Alessio Allegrini, molto amato da Abbado col quale ha a lungo collaborato, è stato Primo Corno ospite in prestigiose orchestre internazionali e vincitore di importanti riconoscimenti e premi internazionali. ha eseguito concerti solistici sotto la direzione di illustri maestri quali: Abbado, Muti, Chung, Tate e Pappano esi è esibito con di eccezione come Salvatore Accardo, Ian Bostridge e lo stesso Antonio Pappano. Alla carriera di musicista affianca con successo quella di docente e di direttore ed è salito sul podio degli Hamburger Simphoniker dove tornerà la prossima settimana con musiche di Wagner, Haydn e Beethoven. Allegrini è molto impegnato nel sociale: lavora stabilmente con l’Orchestra juvenil “Simòn Bolivar” in Venezuela, è fondatore del Movimento ”Musicians for Human Rights” collabora con Emergency. Attività queste che nel 2006 gli hanno valso , il “Premio Nazionale la casa delle Arti” per aver saputo coniugare impegno professionale e stile di vita della Fondazione Exodus di Don Mazzi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *