Roccamontepiano, volontari bonificano due aree degradate

40 volontari, in due aree del paese, hanno contribuito a rendere migliore il territorio di Roccamontepiano, bonificando due aree degradate. Due splendide zone del paese prese di mira dall’inciviltà di qualche anonimo inquinatore.

Tanti i volontari roccolani ma anche i ragazzi del Centro di accoglienza “L’Asilo” si sono dati da fare senza tregua – ha dichiarato il sindaco Adamo Carulli -. Armati di guanti, sacchi e tanta buona volontà hanno animato località Fichiara e Grava, raccogliendo l’appello alla mobilitazione lanciata dall’amministrazione comunale. A fine mattinata sono stati raccolti oltre trecento pneumatici, filtri di olio auto, pezzi meccanici e di carrozzeria di autovetture, quattrocento tra bottiglie e barattoli di vetro, tanti rifiuti indifferenziati che sono stati caricati e trasportati direttamente sulla piattaforma di stoccaggio della società Consac. Sul posto anche i Carabinieri Forestali che stanno risalendo ai responsabili di tale scempio. Tra le ipotesi anche gommisti ed autoriparatori della zona oltre che privati cittadini a cui saranno elevate pesanti sanzioni. Sono stati aperti diversi sacchi e l’idiozia di tali gesti è troppo evidente. Il Comune sta monitorando da mesi diverse zone del territorio ed i trasgressori saranno puniti senza riserva alcuna”.

È assurdo che nel momento in cui esiste la raccolta dei rifiuti a domicilio, si continui ad abbandonare materiali di vario genere dannosi per l’ambiente ma soprattutto per la salute delle persone – ha asserito il Vice Sindaco Dario Marinelli delegato all’ambiente  ed animatore della giornata di volontariato. Dal canto mio e dell’intera amministrazione ringrazio i tanti volontari accorsi sul posto, come i componenti dell’Associazione Madonna delle Grazie, la società che gestisce la raccolta differenziata Consac che ha messo a disposizione la piattaforma di stoccaggio ed i cittadini che hanno contribuito notevolmente a bonificare le località menzionate. Un paese migliore dipende da tutti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *