Piscine Le Gemelle a Lanciano, le forze politiche chiedono chiarezza sulla gestione

La gestione delle piscine Le Gemelle e in particolare la difficile situazione nella quale si sono venuti a trovare i circa 40 dipendenti dell’impianto è, giustamente, ancora al centro dell’attenzione. La struttura, d’altro canto, ha circa 2300 utenti, anche loro ‘vittime’ delle conseguenze dell’incertezza che regna sovrana su quel che accadrà.

Quale sarà il futuro dei dipendenti de Le Gemelle? Cosa ne sarà dei fruitori e dei soldi che hanno versato per i loro abbonamenti?”

A chiederlo oggi è il consigliere regionale M5S Francesco Taglieri, che punta il faro sulla gestione della piscina comunale di Lanciano rivolgendosi direttamente al Sindaco Pupillo.

Ciò che sta succedendo intorno all’impianto non è accettabile. Il quadro che emerge è disarmante. La gestione della struttura potrebbe mettere a repentaglio il futuro di 40 dipendenti che, a quanto emerge, non ricevono stipendio da gennaio. Al tempo stesso gli oltre 2000 fruitori, che hanno già pagato i loro abbonamenti, sono costretti a convivere quotidianamente con disservizi dovuti ai mancati pagamenti delle utenze. La scorsa settimana, infatti, è stata staccata la corrente elettrica, ieri invece è avvenuto il distacco dell’allaccio alla rete del gas metano, costringendo gli utenti ad abbandonare le vasche. In tutto questo – prosegue Taglieri – non riceviamo nessuna notizia dal Sindaco Pupillo. Le Gemelle sono piscine comunali ed è un dovere dell’Amministrazione occuparsi con urgenza della vicenda e proporre una soluzione per la struttura che è costata più di 3 milioni di euro, di cui 700mila di fondi pubblici regionali. E’ ora il momento di dare risposte – conclude il consigliere del M5S – a tutti quei cittadini lancianesi che esprimo preoccupazione per la questione. L’augurio è che la storia di questo impianto non abbia lo stesso triste epilogo delle Naiadi a Pescara”.

Anche il gruppo di maggioranza in Consiglio comunale interviene su quel che è diventato il caso.

Il gestore delle Gemelle faccia chiarezza e onori la convenzione che mette al centro la fruizione del servizio oppure se non è in grado di continuare ad assicurare la continuità del servizio lasci e riconsegni la struttura al Comune di Lanciano – dicono i consiglieri -. Il sig. Serraiocco, amministratore unico delle società Wellness e Sportlife che gestisce la struttura di proprietà comunale “Le Gemelle”, già candidato alle regionali con Forza Italia e Assessore con il centrodestra a Pescara, è stato presentato come nuovo segretario dell’UDC di Pescara sabato scorso da Enrico Di Giuseppantonio, segretario regionale UDC. Di Giuseppantonio e i referenti lancianesi dell’UDC si attivino con il sig. Serraiocco affinché rispetti gli impegni che lo stesso ha assunto con il Sindaco e la cittadinanza di Lanciano appena una settimana fa. Altrimenti si valutino azioni immediate, tra cui anche la possibilità di rescindere la convenzione, a tutela dei lavoratori e degli oltre 2000 utenti della struttura che stanno soffrendo questi disservizi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *