Gli studenti del liceo scientifico di Lanciano impegnati nello studio dei raggi cosmici

I raggi cosmici sotto la lente d’ingrandimento degli studenti del liceo scientifico di Lanciano, da giorni alle prese con le particolari misurazioni delle particelle energetiche provenienti dallo spazio. Il tutto grazie ad un’iniziativa che li ha visti anche vincitori in una competizione nazionale, nell’ambito del Progetto “Extreme Energy Events” – La Scienza nelle Scuole. Nei giorni scorsi gli alunni hanno incontrato il dott. Daniele De Gruttola, ricercatore del Centro Fermi di Roma, per studiare appunto i raggi cosmici. L’incontro rientra all’interno del suddetto progetto, che ha come obiettivo lo studio degli sciami di raggi cosmici di grandissima energia, attraverso una rete di telescopi per muoni, una sorta di isotopi dell’idrogeno, diffusa sul territorio italiano. Grazie al progetto “Extreme Energy Events”, coordinato dalle insegnanti Tiziana Torriero e Hilenia De Titta, nel corso di quest’anno scolastico gli alunni hanno partecipato all’International Cosmic Day, presso l’Università di Salerno, e alla decima conferenza dei progetti sugli “Extreme Energy Events” a Torino. Durante l’incontro ai docenti della scuola, referenti del progetto scientifico, è stato consegnato il “Cosmic Box, un rilevatore di raggi cosmici portatile. Gli alunni utilizzeranno il dispositivo nei prossimi due mesi per eseguire misurazioni di raggi cosmici a Lanciano e sulla Majella, coadiuvati dall’Ente Parco Nazionale della Maiella. I rilievi che verranno effettuati fanno parte di un progetto ideato dalla scuola che risulta vincitrice di un contest insieme ad altri istituti situati nel territorio nazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *