Provincia di Chieti: arresti e sequestri in operazioni durante le feste pasquali

La Questura di Chieti ha tracciato il bilancio dell’attività svolta nel corso delle ultime festività nello scorso mese di aprile e che ha visto impegnati in provincia di Chieti i commissariati di Polizia. di Vasto e Lanciano.

Durante i servizi straordinari predisposti dal questore Ruggiero Borzacchiello, effettuati con la partecipazione di personale del Reparto Prevenzione Crimine e della Squadra Cinofili di Pescara, sono state arrestate dalla Squadra Mobile 17 persone, di cui 2 in flagranza di reato e 15 in esecuzione di provvedimenti dell’Autorità Giudiziaria; 14 persone sono state denunciate in stato di libertà esono stai sequestrati 242 grammi di sostanze stupefacenti tra cannabinoidi e cocaina. “L’attività di prevenzione si è concretizzata effettuando sull’intero territorio provinciale 160 posti di controllo durante i quali venivano complessivamente controllate ed identificate 1660 persone e controllati 1340 veicoli. Di questi 13 sono stati sequestrati per mancanza della copertura assicurativa e sono state elevate 345 contravvenzioni al Codice della Strada di vario tipo. Tre sono stati i veicoli rubati rinvenuti – fa rilevare in un comunicato la Questura.

In particolare la Squadra Mobile, in collaborazione con l’omologo ufficio investigativo della Questura di Foggia, in seguito ad una operazione antidroga diretta e coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Bari che ha fatto emergere diverse ramificazioni di un’organizzazione criminale disarticolata, ha eseguito misure cautelari nei confronti di due persone domiciliate in provincia.

La stessa Squadra Mobile, in seguito a servizi straordinari di controllo volti alla prevenzione e repressione dello spaccio di sostanze stupefacenti predisposti a livello nazionale dal Ministero dell’Interno, ha rinvenuto, all’interno di un esercizio pubblico diversi involucri contenenti sostanze stupefacenti in modiche quantità, probabilmente abbandonati da avventori presenti al momento dell’irruzione” degli agenti operanti”.

E ancora, la Divisione P.A.S., a seguito di attività di controllo amministrativo su una sala giochi ha riscontrato alcune irregolarità di una di esse e il questore ha proceduto alla sospensione della licenza in ottemperanza all’art.100 del TULPS. Il Commissariato di Lanciano ha invece arrestato, in flagranza di reato, un soggetto di origine campana, residente a Lanciano il quale si è reso responsabile del reato di estorsione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *