Archiviato il procedimento penale aperto contro l’infermiera del 118 per il caso della morte di Kissy

Il Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Teramo, Roberto Veneziano ha definitivamente archiviato il procedimento penale aperto nell’immediatezza dei fatti per la morte di Gabriella Nardini (ai più conosciuta come Kissy)

Il fascicolo era stato aperto a seguito della denuncia dei familiari della vittima alla Procura della Repubblica teramana con la quale si voleva far accertare la sussistenza di eventuali responsabilità del personale del 118 presso l’ospedale di Teramo, ed in particolare dell’operatore telefonico, l’infermiera E.B. Secondo le accuse mosse pubblicamente da un giovane accompagnatore della donna, l’infermiera avrebbe ritardato ed anzi omesso i dovuti soccorsi. Ne conseguiva la formulazione delle ipotesi di reato a suo carico per rifiuto di atti di ufficio, omicidio colposo e omissione di soccorso.

“Un’accusa grave sulle spalle di chi del proprio lavoro fa anche una missione – dichiara in un comunicato la Segreteria Territoriale del sindacato NurSind di Teramo -. Tante le sollecitazioni che l’infermiere ha dovuto sopportare, sia a livello lavorativo che sociale, vedendosi accusata ingiustamente, travolta dalla gogna mediatica che non le ha dato possibilità di contraddittorio. La collega sentendosi sola ha chiesto aiuto all’Ordine Professionale ed al Sindacato di Categoria Infermieristico al quale è iscritta, il NurSind, che l’ha da subito supportata ed aiutata nell’attivazione della polizza Colpa Grave, compresa nella quota associativa, e le ha messo a disposizione lo studio legale della Segreteria Territoriale per gli adempimenti del caso. Seguiva, su richiesta della Procura, la perizia medico-legale del dott. Cristian D’Ovidio, anche nel contraddittorio con l’indagata assistita nella fase delle indagini preliminari dell’avvocato Mira De Zolt e dal dott. Giuseppe Sciarra, perito di parte. L’epilogo è stato quello che ci si aspettava: le indagini, eseguite del PM hanno confermato la correttezza dell’operato dell’infermiera del 118.

“Caso archiviato, soddisfazione per l’infermiera E.B., che ha visto riconosciuto il suo lavoro, e per il sindacato NurSind che – ha dichiarato il Segretario Amministrativo Alessio Febo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *