La Finanza sequestra oltre 1000 confezioni di medicinali. Scoperto un deposito abusivo.

1.087 confezioni di medicinali di vario tipo, per un valore commerciale di circa 16mila euro, sono stati sequestrati la scorsa settimana, nell’ambito dell’attività di controllo economico del territorio per la prevenzione e la repressione dei traffici illeciti, dai militari del Nucleo Mobile della Compagnia di Chieti della Guardia di Finanza.

I medicinali erano tenuti all’interno di un capannone nel Comune di San Giovanni Teatino, privo delle prescritte autorizzazioni. L’attività, che ha avuto l’avvio da un controllo eseguito dai militari su strada di un furgone adibito al trasporto di medicinali, ha permesso quindi di risalire al citato deposito dove avveniva la distribuzione all’ingrosso dei medicinali di vario tipo. La struttura, costituita da pannelli prefabbricati in cartongesso e copertura in lamiere, deteneva non solo i medicinali destinati nelle province di Chieti e Pescara, secondo un preciso ordine di distribuzione, ma all’interno di essa vi erano pneumatici, contenitori di vernice, rottami di autovetture, motori e batterie in disuso, in palese violazione delle norme che regolano le condizioni per la conservazione dei medicinali per uso umano. Si è proceduto, quindi, ad irrogare sanzioni amministrative, per 8 soggetti coinvolti, per un totale di 126mila euro, mentre per uno di essi è scattata il deferimento alla locale Autorità Giudiziaria per essersi reso responsabile della distribuzione all’ingrosso dei prodotti farmaceutici senza la preventiva autorizzazione. L’intervento si inquadra nella strategia del Corpo di contrasto ai traffici illegali (stupefacenti, immigrazione clandestina, terrorismo, contrabbando, ecc.) che viene a determinarsi grazie alla fattiva presenza dei Finanzieri impegnati a tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *