Pescara, la polizia arresta ricercato e uno spacciatore

W. M. S. 65enne, cittadino dello Sri Lanka, è stato arrestato ieri pomeriggio dalla Polizia nel parco San Giuseppe, in via Passolanciano. Gli agenti sono lì intervenuti dopo una segnalazione nella quale si denunciava la presenza di un uomo armato di un grosso coltello. Giunti prontamente sul posto le pattuglie individuavano nel parco uno straniero, il quale, in stato confusionale, impugnava un coltello di oltre cm. 30; bloccato e disarmato il soggetto veniva condotto in Questura ed identificato. Negli uffici si appurava che l’uomo era ricercato dal 2014 inseguito da un ordine di esecuzione per la carcerazione dalla Corte D’Appello di L’Aquila, dovendo o espiare la reclusione residua di anni 5 per tentato omicidio commesso ad Ortona nel 2007. I poliziotti, pertanto, traevano in arresto lo straniero in esecuzione del provvedimento giudiziario e sequestravano il coltello, denunciandolo altresì per porto ingiustificato in luogo pubblico di armi od oggetti atti ad offendere.

Sempre ieri, una pattuglia è intervenuta presso un ristorante di corso Vittorio Emanuele, per una rissa con il danneggiamento della vetrina dell’esercizio. Giunti sul posto i poliziotti bloccavano l’autore, che cercava invano di fuggire alla vista della Volante. Bloccato, l’uomo opponeva resistenza e colpiva a pugni uno dei poliziotti provocandogli lesioni. Lo straniero veniva quindi identificato per C. Y. 19enne, cittadino gambiano, già pregiudicato in materia di stupefacenti. Immediati accertamenti di polizia giudiziaria permettevano di accertare che la rissa appena avvenuta era scoppiata proprio per motivi attinenti lo spaccio della sostanza stupefacente: il giovane veniva perquisito e trovato in possesso di gr. 28.5 di marijuana (occultati nell’abbigliamento intimo). Lo straniero veniva pertanto arrestato in flagranza di reato per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente, danneggiamento, resistenza e lesioni a Pubblico Ufficiale; trattenuto in Questura e posto a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *