Omicidio a Silvi: ferisce mortalmente il padre per difendere la madre

Interviene per difendere la madre e afferra per il collo il padre, sbatte la testa del genitore contro un tavolino e lo ferisce gravemente. Le lesioni celebrali provocate saranno però fatali per Giovanni Di Martino, 75 anni, meccanico in pensione, che qualche ora dopo cessa di vivere all’ospedale di Atri dov’era stato trasportato proprio dal figlio, Giuseppe Di Martino, 46 anni, architetto, resosi subito conto della gravità di quanto avvenuto. E’ successo nella notte a Silvi Marina. Ora il professionista dal pomeriggio di oggi è rinchiuso nel carcere di Catrogno, a Teramo, con l’accusa di omicidio preterintenzionale.

I Carabinieri del reparto operativo del comando provinciale di Teramo stanno ricostruendo nei particolari quel che è successo. Dalla prima ricostruzione, il figlio, che vive ancora con la  coppia, sarebbe intervenuto in difesa della madre dopo una discussione che stava degenerando. Forse non l’unica. Per evitare che la discussione degenerasse, Giuseppe Di Martino è intervenuto e ha fermato il padre, colpendolo mortalmente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *