Grandinata su Pescara: 18 persone restano ferite. Città semi paralizzata dagli allagamenti

Una violenta grandinata si abbattuta su Pescara, e nelle zone limitrofe, provocando il ferimento di diciotto persone. Palle di ghiaccio grandi quanto palline di golf sono cadute sulla città adriatica e oltre a colpire persone, hanno provocato danni ad auto. Tra i feriti, che hanno dovuto far ricorso alle cure mediche preso l’ospedale civile, anche una donna in attesa. Il maltempo ha provocato allagamenti in molte zone di Pescara. Oltre all’emergenza per i feriti, l’ospedale di Pescara risulta allagato in vari punti, soprattutto nei seminterrati. 

Il Sindaco di Pescara, Carlo Masci ha dichiarato che la città “è impraticabile. Vigili e operai sono tutti in strada, ma non sono sufficienti a gestire l’emergenza”

Un sottopasso allagato a Casalbordino

Situazione difficile anche in altri centri del pescarese e del chietino. Il sindaco di San Salvo, Tiziana Magnacca, ha firmato l’ordinanza con la quale ha attivato il Centro operativo funzionale (Coc). Provvedimento conseguente alla comunicazione del Centro funzionale della Regione Abruzzo di allerta maltempo e dai danni causati dalla violenza della pioggia, del vento e dalla grandine caduta.

Chiederò alla Regione Abruzzo e al Governo nazionale lo stato di calamità naturale per i danni subiti dalla mia città” ha dichiarato il sindaco Magnacca. Sono stati richiamati in servizio tutti gli operai dell’Ufficio Manutenzione, per gli interventi urgenti e ripristinare la viabilità, e gli agenti della Polizia Locale per la pubblica incolumità, la messa in sicurezza delle strade e dei sottopassi.

Ho già dato mandato alle strutture tecniche regionali di attivare tutte le procedure per il riconoscimento dello stato di emergenza e di calamità naturale nei confronti del Governo. Per arginare i danni causati dalla straordinaria ondata di maltempo, che ha colpito soprattutto la costa, occorrerà tutto il sostegno possibile delle Istituzioni per consentire all’Abruzzo di risollevarsi ancora una volta. E sono certo che insieme ne usciremo”.

Lo ha annunciato il Presidente del Consiglio della Regione Abruzzo Lorenzo Sospiri.

Purtroppo il bilancio dei danni causati al nostro patrimonio dalla grandinata prima e dalla pioggia intensa poi continuano ad aggravarsi col passare delle ore – ha sottolineato il Presidente Sospiri -. Pescara è stata flagellata dal maltempo, un evento di portata straordinaria, con una città spezzata in due: chiuse le principali vie di collegamento, da via Marconi a via Ferrari, via del Circuito, via Di Sotto, arterie fondamentali dov’è letteralmente saltato l’asfalto e si sono rotte le condotte interrate. Allagato, addirittura, il parcheggio silos dell’ospedale civile con decine e decine di auto sommerse, per fortuna senza far registrare vittime. Ma pari danni si stanno registrando ovunque, a partire da ieri a Tortoreto a causa della tromba d’aria che ha investito la spiaggia, per non parlare dei danni alle nostre campagne con interi frutteti, vigneti e oliveti devastati dalla grandine. Oggi i sindaci sono chiamati ad affrontare l’emergenza con l’attivazione dei Coc, subito dopo comincerà la conta dei danni che, temiamo, sarà molto pesante. Per questa ragione ho già chiesto alle strutture tecniche regionali di attivare tutte le procedure utili per richiedere lo stato di emergenza e il riconoscimento dello stato di calamità naturale. Saranno poi i sindaci a dover tempestivamente indicare i danni registrati sui propri territori sul portale della Protezione civile regionale. La Regione si è già attivata per superare l’ennesima emergenza che purtroppo ci ha colpiti”.

Il Sindaco di Fossacesia, Enrico Di Giuseppantonio, chiede alla Regione Abruzzo e al Governo nazionale lo stato di calamità naturale per i danni subiti dalla città, colpita nel primo pomeriggio di oggi da una violenta grandinata e pioggia . Il primo cittadino chiede anche di disporre dei danni e dei risarcimenti, una volta quantificati e valutati. “Il maltempo si è abbattuto con forza su Fossacesia e sul suo litorale, provocando ingenti danni. Centinaia di macchine sono state danneggiate – afferma il Sindaco Di Giuseppantonio-. Oltre alla grandine, con chicchi di notevoli dimensioni che hanno spaccato numerose tegole, il forte vento ha divelto le coperture di alcune abitazioni a Fossacesia Marina, dove tra l’altro si registrano allagamenti, che hanno interessato sia abitazioni che locali pubblici. Danni anche agli stabilimenti balneari.Inagibile il sottopasso Grotte, che collega il Lungomare di Fossacesia Marina alla Statale 16 Adriatica per la presenza di acqua. Registriamo anche numerosi smottamenti e allagamenti lungo le principali strade di collegamento tra Fossacesia e gli altri centri del comprensorio. Danni anche per il nostro settore agricolo. Ci troviamo ad affrontare una situazione difficilissima – conclude il sindaco Di Giuseppantonio, che per far fronte alle emergenze ho attivato il COC ( Centro Operativo Comunale di Protezione Civile).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *