Le Bandiere Blu d’Abruzzo promosse sulle autostrade italiane

Presentata questa mattina, nella sede di Pescara della Regione Abruzzo, la seconda campagna di comunicazione mirata alla promozione delle dieci “Bandiere Blu 2019” abruzzesi sulle autostrade italiane. L’iniziativa, che è partita nel 2018 dal Sindaco di Fossacesia, Enrico Di Giuseppantonio e accolta con favore dagli altri centri insigniti del vessillo della Fee, nel concreto vedrà il posizionamento di 44 pannelli del circuito Publi Route, posizionati ed esposti per 60 giorni, dal 1 agosto al 30 settembre, all’ingresso delle aree ristoro di 26 aree di servizio tra Bologna e Vasto sulla A14, e tra Roma e l’Abruzzo. Il numero dei contatti stimati nei 60 giorni (agosto e settembre) sarà di circa 5 milioni. A differenza dello scorso anno, il periodo di promozione è stato allungato, allo scopo di valorizzare, durante il periodo estivo, le località di mare e i laghi, che hanno ottenuto questo il riconoscimento turistico e ambientale. Oltre alle autostrade, i pannelli verranno collocati su altre arterie particolarmente frequentate e in centri commerciali.

Sindaci e amministratori dei dieci centri abruzzesi Bandiera Blu 2019 con l’Assessore Febbo

All’incontro con la stampa svoltosi nell’assessorato regionale al Turismo, l’Assessore Mauro Febbo, sindaci e amministratori dei dieci centri che hanno ottenuto la Bandiera Blu 2019. Per la provincia di Teramo: Tortoreto, Giulianova, Roseto degli Abruzzi, Pineto; per quella di Chieti, Fossacesia, Vasto e San Salvo. Per la provincia de L’Aquila, Villalago e Scanno.

“E’ un punto di partenza per far crescere il nostro turismo, promuovere le nostre innumerevoli bellezze ed eccellenze, ma dobbiamo lavorare ancora per aumentare il numero dei vessilli in Abruzzo – ha detto l’assessore Febbo -. La Regione farà la sua parte per rendere il nostro mare sempre più pulito, balneabile e attrattivo. Abbiamo programmato risorse consistenti per l’attivazione e il potenziamento dei depuratori, altre risorse saranno impegnate per consentire alla nostra regione di attuare una vera e concreta strategia di promozione turistica nei mercati internazionali.

Una presentazione che è stata anche l’occasione per mettere sul tavolo alcune proposte per imprimere una svolta decisa al turismo targato Abruzzo, sfruttando proprio l’intesa che si è sviluppata tra i centri premiati. “Bisogna fare rete – ha sottolineato il Sindaco di Fossacesia, Di Giuseppentanio -. Non solo dobbiamo puntare a aumentare il numero delle Bandiere Blu ma tutti insieme lavorare alla promozione dell’Abruzzo costiero e dell’interno in maniera unita e convinta”.

Una posizione condivisa anche da altri amministratori che hanno sollecitato lo stesso impegno perché altri centri abruzzesi si diano da fare per conseguire la Spiga Verde, vessillo sempre della FEE che certifica qualità in determinate zone rurali per la campagna coltivata, vino e olio prodotti, attenzione all’ambiente. Sono molti i centri dell’interno che possono competere e che tra l’altro offrono ai turisti bellezza dei luoghi e piste ciclabili come attrazione.

L’assessore Febbo, tra l’altro ha ricordato come la Regione ha iniziato un percorso che mira alla formazione, per rendere più competitiva e in maniera professionale, l’immagine dell’Abruzzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *