Presentata nella sala consiliare del Municipio la nuova Guida di San Vito Chietino

Lo scorso 26 luglio, nella sala consiliare del Municipio di San Vito Chietino e alla presenza del sindaco Emiliano Bozzelli e del consigliere delegato alla cultura Sandro de Nobile, è stata presentata la nuova guida del centro costiero. Realizzato interamente a colori, l’interessante libretto, è frutto della collaborazione di scrittori, giornalisti e poeti tra i quali Alberto di Giovanni, Giulia Alberico, Adelia Mancini, Vito Sbrocchi, Fabio di Giovanni, Pietro Cupido, Teresa Verì, Anna Tavani e Vito Moretti, quest’ultimo docente universitario e noto poeta e scrittore recentemente scomparso.

Il volume è pubblicato dalla casa editrice Menabò di Ortona, il cui direttore editoriale è Gaetano Basti con coordinamento redazionale di Viviana Farinelli. La guida 2019 è una ristampa di quella pubblicata nel 2003, riveduta e aggiornata dal Comune con il contributo di due stagiste, Nicole Palermo e Marina Pietrocola.

«La presentazione di un libro – ha spiegato Alberto di Giovanni, curatore e ideatore della guida – crea sempre momenti di intensa e partecipata relazione, di incontro umano e culturale, da cui nascono informazione, riflessioni, conoscenze e arricchimento interiore». Il nuovo volume conserva l’impostazione della prima guida, con l’inserimento di nuove ed interessanti foto, l’aggiunta di utili cartine sulla dislocazione dei trabocchi situati sulla costa sanvitese e sul percorso e gli accessi della pista ciclabile. La guida, composta da poco più di cento pagine, contiene inoltre interessanti cenni storici di San Vito, notizie sull’antico porto canale di Gualdo, sui tre agglomerati urbani del Comune (Capoluogo, borgata Marina e Sant’Apollinare) e sui luoghi di rilevante valore storico, naturalistico e paesaggistico. Non mancano notizie sulla vita della comunità, sulle storiche paranze, sulle barche a vela, sui trabocchi, sui sentieri e sui suggestivi belvederi. Infine informazioni sui prodotti tipici e della gastronomia del territorio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *