Eseguita l’autopsia sul pensionato morto nell’area protetta Torre del Cerrano. Si cerca la barca che lo ha travolto

Si cerca nelle immagini dei sistemi videosorveglianza in uso alla Torre del Cerrano per capire quale natante ha investito Mario D’Eustacchio, 63 anni, di Silvi, trovato morto in mare nel tardo pomeriggio di sabato, nello specchio d’acqua dell’Area marina protetta.

La magistratura teramana ha aperto un fascicolo sull’accaduto e oggi l’autopsia eseguita dal medico legale Giuseppe Sciarra, su incarico del pm Greta Aloisi, svoltasi nell’ospedale di Teramo, ha confermato che le gravi e profonde lesioni al capo sono da compatibili all’azione di un’elica di un’imbarcazione. L’esame delle immagini potranno chiarire anche il punto esatto dove è avvenuto l’impatto e quale natante lo ha colpirlo. Sul registro degli indagati, con l’ipotesi di omicidio colposo, è finito un pescatore del posto, lo stesso che sabato scorso ha lanciato l’allarme e che ha consentito alla Guardia Costiera di recuperare il corpo dell’uomo. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *