Lanciano, plagio e frustate ai fedeli: don Andrea assolto da accusa violenza privata

Don Andrea Luiz Facchini, 45 anni, ex parroco brasiliano di Sant’Agostino di Lanciano, è stato mandato assolto con formula ampia, perché il fatto non sussiste, dall’accusa di violenza privata aggravata nei confronti degli adepti della Legio Sacrorum Cordium, associazione religiosa da lui fondata. I fatti per i quali il religioso è finito sotto processo (don Andrea è stato giudicato in contumacia perché da tempo è rientrato in Brasile) sarebbero avvenuti tra il 2008 e il 2011: plagio e soprattutto frustate con la corona del rosario sulla schiena a una decina di associati, si sarebbero consumate all’interno del gruppo. La sentenza assolutoria è stata pronunciata dal giudice Andrea Belli. La pubblica accusa aveva chiesto la condanna a due anni e mezzo. Per due parti civili risarcimento di mille euro ciascuno. Don Andrea è stato invece condannato a sei mesi di reclusione per il solo reato di violazione di domicilio di uno degli ex adepti a cui favore il giudice ha stabilito di rimettere gli atti in procura perché si indaghi contro don Andrea per il reato di stalking.

Con l’assoluzione del reato di violenza privata caduti anche i reati di lesioni personali, ingiurie, minacce e molestie telefoniche e uscita di scena anche della Curia frentana chiamata alla corresponsabilità civile per non aver vigilato sul prete.

Don Andrea era anche parte lesa in un procedimento connesso per essere stato picchiato dal fratello – condannato quest’ultimo a due mesi di reclusione per lesioni – di un ex adepto, durante la violazione di domicilio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *