Uomo trovato morto in casa a Barisciano (Aq). Si sospetta l’omicidio

Il corpo senza vita di un uomo di 55 anni è stato trovato nella sua casa a Barisciano, in provincia de L’Aquila. Dai primi rilievi, sul copro è stata trovata una ferita che alimenta il sospetto che possa essere stato ucciso. Al momento non si hanno molte notizie in merito. I carabinieri stanno indagando e sul posto è intervenuto il pubblico ministero della Procura della Repubblica de L’Aquila, Simonetta Ciccarelli, il medico legale, insieme ai sanitari del 118.

L’uomo si chiamava Paolo D’Amico ed era un operatore ecologico nell’azienda servizi municipalizzati del Comune del capoluogo regionale. Sono stati i parenti, nel pomeriggio di ieri, a dare l’allarme e a far intervenire i Carabinieri.

Su disposizione del magistrato, gli uomini dell’Arma de L’Aquila hanno sentito i familiari di D’Amico, che viveva solo, e stanno verificando tabulati telefonici e conto corrente della vittima, che sarebbe stato colpito con coltellate, fendenti che lo hanno ferito al torace e con due colpi al capo, con un oggetto contundente alla testa. In casa non è stata trovata alcuna arma. L’appartamento dove D’Amico viveva, una casa in legno di Balsorano, è stata sottoposta a minuziosi controlli da parte della Squadra Investigazioni Scientifiche dell’Arma de L’Aquila. Il corpo dell’uomo, da altre notizie trapelate oltre la fitta rete di riservatezza che copre le indagini, sarebbe stato trascinato in casa: D’Amico potrebbe essere stato ferito mortalmente all’esterno e poi portato nella sua abitazione e lasciato a terra agonizzante. Se questa ricostruzione della dinamica delittuosa fosse confermata, non escluderebbe che ad agire siano state almeno due persone. L’intera area che circonda casa dell’uomo è stata interdetta a auto e passanti.  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *