Majella, due escursionisti dispersi trovati morti

Ore di ansia sul destino di due escursionisti che erano sul versante pescarese della Majella e che sarebbero precipitati. I soccorsi sono stati immediatamente allertati. Squadre del Soccorso Alpino sono già arrivate per raggiungere i due, caduti in basso mentre erano impegnanti in una zona definita dagli esperti estremamente impervia a 2500 metri d’altezza. Sarebbero scivolati affrontando un tratto con neve e ghiaccio.

Come si temeva, i due precipitati in dirupo sono stati trovati morti. Sì trovavano nella zona detta Rava del Ferro, sopra Caramanico, insieme  ad altri due amici, gli stessi che, scivolati anche loro,  hanno lanciato l’allarme dopo essersi salvati e evitato di finire a valle con i loro compagni. Al momento non si conosce l’identità degli escursionisti deceduti. Le loro salme sono state trasferite in elicottero nell’obitorio dell’ospedale di Pescara. Le vittime sono Gianpiero Brasile, 58 anni, dermatologo di Lanciano, ma residente a Pescara, e Antonio Muscedere, 55, di Sora e residente a Posta Fibreno (Frosinone).

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *