I primi sei mesi di gestione del nuovo CdA di TUA: risparmi per 3 milioni di euro, investimenti e prospettive per il 2020

Questa mattina, nella sede di Pescara, l’azienda di trasporto pubblico della Regione Abruzzo ha presentato il rendiconto dei primi sei mesi della gestione Giuliante e le prospettive per il 2020. Nei primi sei mesi di lavoro della gestione Giuliante, TUA ha iniziato a rinnovare il suo parco rotabile con l’acquisto di 46 nuovi mezzi che si aggiungono ai 18 consegnati pochi mesi fa. Oltre all’ottimizzazione del trasporto su gomma si è parlato d’investimenti anche per il comparto ferroviario,infatti è stato avviato l’iter per l’acquisto di due nuovi elettrotreni da utilizzare per il trasporto pubblico locale. Si sta provvedendo anche all’ammodernamento di alcune sedi logistiche e si sta ripristinando anche la carrozzeria nella sede di Pescara, tutto questo permetterà all’azienda di dimezzare i costi e reimpiegare i fondi per altri investimenti.

Il Presidente Giuliante ha dichiarato: “Il nuovo CDA è stato nominato a fine giugno e si è messo subito all’opera con le attività avviate, ma anche con tante varianti di natura amministrativa e organizzativa che dovevano essere messe in atto per invertire certe tendenze. Non dimentichiamoci – ha sottolineato il presidente Giuliante – che quest’amministrazione ha posto particolare attenzione agli investimenti sia su gomma che su ferro, oltre che alla logistica delle sedi produttive eliminando alcune distorsioni e puntando sugli aspetti della sicurezza per i nostri lavoratori e per l’ambiente. Un altro punto importante è rappresentato dall’innovazione tecnologica con la creazione dell’app per acquistare i biglietti, consultare gli orari ed essere aggiornati in tempo reale su tutti i servizi di Tua. Decisivi in prospettiva di efficientamento delle attività – ha concluso Giuliante – sono i servizi full service che consentono di ottenere un risparmio dei costi in quanto le aziende fornitrici dei mezzi acquistati da TUA garantiscono anche il servizio di manutenzione, assistenza ai mezzi e gestione dei servizi tecnologici, pur mantenendo un sistema interno di prono intervento sulla flotta esistente”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *