Viabilità A14 e SS16, Marsilio chiede soluzione immediata. La Confcommercio proclama stato di agitazione

«Ringrazio il ministro De Micheli per aver dato risposta alle mie lettere con cui chiedevo provvedimenti immediati per migliorare il traffico lungo la dorsale adriatica abruzzese, in primis lungo l’autostrada A14 con le conseguenti ripercussioni sulla viabilità ordinaria a cominciare dalla Statale 16. Sicuramente avrei preferito ricevere una risposta operativa più immediata».

E’ il commento del presidente della Giunta regionale, Marco Marsilio, in merito alla nota del Mit, giunta ieri, sulla vicenda dell’autostrada A14, dove il tratto abruzzese è sottoposto a riduzioni di carreggiata per il sequestro di viadotti, causando anche disagi alla circolazione stradale sulla viabilità ordinaria. E oggi è stata un’altra giornata difficile sulle strade abruzzesi. Code su autostrada adriatica e statale 16, dove si sono riversati mezzi pesanti e auto.

«Da settimane si susseguono riunioni e ogni volta che si fanno queste riunioni abbiamo sperato che si trattasse di quella decisiva. Dal Ministro abbiamo invece appreso che comunque dovremo attendere, come minimo, lunedì prossimo, sottoponendo l’Abruzzo, gli abruzzesi e tutti coloro che percorrono le strade della nostra regione a un ulteriore week end di passione – osserva il presidente Marsilio -. La speranza, logicamente, è che lunedì si riesca a chiudere la questione viabilità o almeno la vicenda del viadotto del Cerrano, per poter riaprire al traffico pesante anche quel viadotto, in modo che così si alleggerisca il traffico sulla statale, e poi dare seguito agli impegni che sia il ministero, sia Autostrade per l’Italia stanno assumendo».

Intanto il Presidente ed il Direttore Regionali della Confcommercio, Roberto Donatelli e Celso Cioni, in merito alla situazione ormai drammatica che sta isolando l’Abruzzo dal sistema dei trasporti nelle infrastrutture autostradali hanno proclamato lo stato di agitazione delle categorie del commercio, del turismo, dei trasporti e dei servizi abruzzesi, dandone opportuna comunicazione ai Prefetti di tutte le quattro Province e richiedendo un immediato ed urgente incontro per individuare ogni azione utile al riguardo, che consenta di ripristinare condizioni di percorribilità autostradali accettabili e che riportino la situazione alla normalità da tempo compromessa.

Analoga richiesta di immediato ed urgente incontro è stata rivolta al Presidente della Regione Marsilio

Auspichiamo fortemente che il Governo con la tempestività estrema che il caso richiede, possa attivare a sua volta un deciso intervento per restituire all’Abruzzo, al suo Sistema Produttivo, Economico e Sociale, condizioni di fruibilità strategiche in un territorio in cui le altre infrastrutture di trasporto (rete ferroviaria, ecc…) non offrono alcuna alternativa e fanno riferimento a reti non più al passo con i tempi e che relegano l’Abruzzo ad un territorio isolato e penalizzato rispetto a quasi tutte le Regioni Italiane. Ci auguriamo che le risposte giungano rapidissimamente altrimenti ci troveremo costretti ad azioni sindacali a tutela degli interessi della migliaia di imprese abruzzesi e dell’intero contesto socio economico del nostro territorio”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *