Agenzia delle Dogane e Monopoli, anche in Abruzzo affiorano grandi problemi

Anche in tutti gli Uffici dell’Agenzia delle Dogane e Monopoli in Abruzzo il 23 gennaio 2020 si terranno le assemblee del personale indette a seguito dello Stato di agitazione del personale dell’Agenzia. In Abruzzo, forse più che in altre regioni d’Italia, tutti i problemi che hanno condotto alla mobilitazione del personale – e che sono quelli ormai noti e storici della gravissima carenza, dell’invecchiamento e della drammatica mancanza di ricambio generazionale del personale, uniti alla perdita del potere di acquisto dei salari – sono amplificati dalla particolare situazione del territorio della regione.

Tutto ciò, all’alba di una Brexit che partirà il 31 gennaio (e di cui nessuno parla più) non potrà che impattare negativamente sui carichi di lavoro del personale ancora in servizio.

La drammaticità della situazione è insita nei numeri stessi: esistono sezioni operative doganali come quelle di Avezzano, di Ortona, di Giulianova e di Vasto che, a causa del progressivo pensionamento del personale, sono ormai ridotte al rango di bandierine e mutilate di gran parte delle capacità operative che i territori che presidiano meriterebbero.

Stiamo parlando di aree come la Marsica, la Val di Sangro, la Val Vibrata, territori dove pulsa il cuore economico dell’Abruzzo, dove si addensano la gran parte delle aziende che fanno della Regione un polo di importanza vitale nell’economia del centro Italia. Territori dove insistono due porti come Ortona e Vasto, presidiati in tutto da 14 lavoratori; aree come l’intera provincia teramana (una delle più fiorenti d’Italia) presidiate da 10 lavoratori, comprensori come la Marsica dove in tutto sono presenti 8 lavoratori. Quale risposta in termini di servizi all’utenza può dare l’Agenzia con questi numeri?

Oggi è mobilitazione ma è solo un primo passo verso iniziative molto più eclatanti e che potrebbero giungere al blocco delle attività proprio nei giorni della Brexit in tutti i porti e aeroporti e Dogane d’Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *