Firmato Protocollo di intesa sulla linea ferroviaria Roma-Pescara

Firmato al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti il protocollo di Intesa con le regioni Abruzzo e Lazio per la linea ferroviaria Roma–Pescara. L’obiettivo dell’accordo è costituire un gruppo di lavoro per individuare gli interventi di tipo infrastrutturale, tecnologico, operativo ed organizzativo necessari per il miglioramento del collegamento.

L‘amministratore delegato di Rfi Maurizio Gentile ha sottolineato come l’Abruzzo “chiede di essere collegato molto più velocemente con la Capitale e penso che quest’ultima abbia bisogno di essere collegata molto più velocemente con l’Adriatico. Il percorso più breve è quello che passa attraverso l’Abruzzo. Noi dobbiamo tradurre in termini tecnici quelle che sono le richieste del territorio, quindi velocità, capacità e frequenza dei treni”.

L’investimento a oggi del progetto è di circa 1,9 miliardi di cui 350 milioni, già disponibili. Si punta a aumentare da subito la quantità di treni tra Sulmona e Pescara, che si configura come un’area metropolitana estesa, e aumentare la velocità di percorrenza tra la Marsica e Roma, dove esiste un pendolarismo quotidiano.

“Abbiamo finalmente fatto sottoscrivere dal ministero un atto nel quale il collegamento Tirreno-Adriatico diventa strategico nel quadro nazionale. Questa linea Roma-Pescara è stata abbandonata. Era stata costruita tra la fine dell’Ottocento e l’inizio del Novecento e non ha mai conosciuto investimenti seri per potenziarla e modernizzarla”.

Così il presidente della Regione Abruzzo Marco Marsilio a margine della firma del patto al Mit per il potenziamento della ferrovia Roma-Pescara.

Entro giugno ci sarà un progetto complessivo relativo alla tratta ferroviaria Pescara-Roma sul quale il Ministero si è impegnato a finanziare gli investimenti per realizzare una linea che possa portare da Roma a Pescara in meno di due ore, da Avezzano Roma meno di un’ora, con treni da Sulmona a Pescara ogni trenta minuti e connettere così l’Abruzzo al resto dell’Italia. Con la firma del Protocollo insieme al Ministero, al Presidente della Regione Lazio e all’amministratore delegato di RFI , finalmente sanciamo l’importanza strategica delle linea ferroviaria Roma-Pescara nel quadro delle infrastrutture nazionali di trasporto. Dimenticata da quasi un secolo, oggi diventa una linea prioritaria e strategica per il territorio nazionale sulla quale il Ministero farà gli investimenti che questa tratta merita e soprattutto gli investimenti che verranno progettati dal territorio insieme alle altre istituzioni.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *