Ortona, deciso il differimento del termine di pagamento delle tasse

Scuola: in Abruzzo l’USR ha attivato piattaforma per didattica online. Il presidente della TUA, Giuliante, scrive a Marsilio: “Gravi perdite nel Tpl. Necessarie azioni di sostegno e supporto” 

Dopo i provvedimenti che disciplinano le azioni di prevenzione della salute pubblica su tutto il territorio comunale, sulla base dell’ultimo decreto emanato dal governo per fronteggiare l’emergenza Coronavirus, l’amministrazione comunale di Ortona predispone una dilazione delle scadenze sulle tasse comunali.

Il Sindaco Leo Castiglione ha dichiarato: «Abbiamo deciso di differire il termine di pagamento delle tasse comunali di nostra competenza mentre non possiamo incidere sugli adempimenti di carattere nazionale come l’Imu senza precise indicazioni da parte del governo. In questo momento di emergenza nazionale che coinvolge anche il nostro territorio comunale stiamo predisponendo tutte le azioni utili per alleviare i disagi all’intera comunità, sia sotto l’aspetto di prevenzione sanitaria sia sotto quello di aiuti alle famiglie e alle imprese».

Didattica on line: operativa la piattaforma a cura dell’USR Abruzzo

La scuola continua a lavorare anche al di fuori delle aule. Le  istituzioni scolastiche della regione Abruzzo anche con il supporto dell’Ufficio Scolastico regionale, si sono già organizzate per offrire opportunità di didattica a distanza in base a quanto previsto dal DPCM del 4 marzo 2020 in base al quale sono sospese le attività didattiche nelle scuole di ogni ordine e grado in tutto il territorio nazionale fino al 15 marzo 2020.

Lo stesso DPCM, allo scopo di favorire il proseguimento di attività formative, stabilisce, fra l’altro, che i Dirigenti scolastici attivino “per tutta la durata della sospensione delle attività didattiche nelle scuole, modalità di didattica a distanza avuto anche riguardo alle specifiche esigenze degli studenti con disabilità”.

In questo momento di criticità, su impulso del direttore generale, Antonella Tozza, l’USR attraverso il Gruppo di Supporto Regionale per l’Innovazione Digitale si è attivato per realizzare una piattaforma di didattica a distanza dedicata a tutte le scuole del territorio.

In un contesto in cui forte è l’appello ad un doveroso distanziamento ed il dovere civico ci  impone  di attenerci a questa avvertenza, vengono messe in campo  tutte le risorse possibili per garantire il diritto all’istruzione ed al contempo  riaffermare il senso di appartenenza alla comunità educante ed adottare misure per bilanciare l’assenza della dimensione comunitaria e relazionale della classe.

La piattaforma, fruibile sul sito web https://www.eftabruzzo.it/, aggrega e rende disponibili risorse, soluzioni, strumenti per la didattica a distanza e  favorisce la partecipazione e l’incontro dei diversi attori del mondo scuola. 

Sono previste, infatti, aree riservate ai docenti e ai dirigenti per il confronto sulle diverse opportunità e soluzioni per l’organizzazione della didattica a distanza. Anche le studentesse e gli studenti vi potranno trovare uno spazio per incontrarsi, curato direttamente dalle Consulte degli studenti che hanno già messo in agenda alcuni webinar.

È presente un vademecum che costituisce un agile strumento operativo e di informazione sulle attività didattiche a distanza, garantendo  il necessario supporto alle scuole nel periodo di sospensione delle attività didattiche, fornendo suggerimenti in merito all’uso di spazi virtuali, strumenti digitali e metodologie didattiche, a partire dai più semplici, fruibili da tutti, oltre a percorsi di formazione per i docenti. Il sito sarà costantemente aggiornato in tutte le sue aree con particolare attenzione all’evoluzione normativa.

TUA A MARSILIO: SETTORE IN CRISI, URGONO SOSTEGNI ECONOMICI

La società di trasporto pubblico della Regione Abruzzo” TUA” ha diramato una lettera aperta, a firma del presidente, Gianfranco Giuliante, indirizzata al Governo regionale. Ecco il testo:

Il trasporto pubblico regionale risulta essere uno dei settori più fortemente colpiti dall’emergenza legata alla diffusione del Covid-19 in Italia; lo stato di crisi sta generando un grande impatto negativo sulla domanda del trasporto stimabile in una forte riduzione di passeggeri con una perdita secca importante per l’azienda. E’ quindi necessario porre in essere importanti azioni di sostegno e supporto del TpL che rappresenta un settore ad alta rilevanza strategica nell’economia regionale e la spina dorsale delle politiche di mobilità. Si riportano di seguito e in modo non esaustivo alcune proposte ritenute necessarie a fronteggiare lo stato di crisi e a garantire il ristoro dei danni riconducibili all’emergenza: l’inoperatività delle clausole inserite nei contatti di servizio o negli atti che regolano il rapporto TUA/Regione delle decurtazioni di corrispettivo, ovvero di sanzioni e penali in ordine alle percorrenze non effettuate (mancato svolgimento di percorrenze o altre inadempienze agli obblighi negoziali, legate allo stato emergenziale generato dalla diffusione del Covid-19 e/o dalle misure adottate dalle autorità competenti); ripristinare, già a decorrere dal 2020, la decurtazione di 58 milioni all’anno del Fondo Nazionale Trasporti, da sollecitare al Governo; ripristinare il taglio di 50 milioni di euro all’anno del capitolo 1314 del Bilancio dello Stato destinati al ristoro dei maggiori oneri di malattia. Applicare Cig in deroga per le imprese sprovviste di ammortizzatori sociali per assicurare la copertura oltre i limiti previsti dal fondo di solidarietà; Ripristinare il rimborso accise per autobus Euro III e Euro IV previsto nella manovra economica 2020; Sospendere e allungare mutui e leasing assunti per l’acquisto di beni materiali e infrastrutture. E’ solo inserendo nuove regole, che tengono conto dell’emergenza, che si può tentare di garantire la salvaguardia del settore Trasporti in una fase così delicata. All’uopo potrebbe essere opportuna una specifica task force che si occupi del settore e che coinvolga tutto il sistema trasportistico locale, Pubblico e Privato. Dipartimento, sindacati e specifiche competenze che mettano a disposizione ogni notizia, ogni suggerimento o indicazione utile a risolvere insieme e in modo corale questo momento di grave emergenza che stiamo vivendo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *