Giovane denunciato dai carabinieri di Chieti per procurato allarme

La battaglia per far rispettare i provvedimenti emanati dal Governo si fa sempre più difficile su tutto il territorio abruzzese per i Carabinieri. Da adesso, i militari devono fare i conti anche con chi si diverte a diffondere nel web false notizie relative a contagi e focolai, generando panico nella popolazione. È quello che si è divertito a fare un giovane, denunciato dai Carabinieri di Chieti per il reato di procurato allarme.

Il ragazzo, nell’intento di indurre le persone a restare a casa, ha diffuso un messaggio audio dove affermava la presenza di un focolaio e di contagi in un paese del chietino. Il messaggio è divenuto virale nel giro di una serata, disseminando il panico generale.

I militari stanno effettuando un monitoraggio sul web e delle piattaforme social di tutte le fake news pubblicate in merito al CoronaVirus che riguardano la regione Abruzzo ed in particolare la provincia di Chieti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *