Coronavirus e solidarietà

In un momento difficile come questo l’associazione Carrozzine Determinate non poteva tirarsi indietro. Abituata da sempre a lottare contro le difficoltà che la condizione della disabilità comporta vuole essere di aiuto e supporto a chi sta combattendo in prima linea la battaglia contro il coronavirus: i medici , gli infermieri, gli OSS, gli addetti alle pulizie dell’ospedale. A loro va il più sentito ringraziamento e l’aiuto concreto da parte di Carrozzine Determinate, che con tutti i propri associati ha donato 1.320 € e provveduto ad acquistare 100 mascherine FFP2 per l’Ospedale di Pescara, e oggi sono state consegnate alla farmacia del nosocomio grazie alla concreta collaborazione del Sindaco del Comune di Montesilvano Ottavio De Martinis, dell’assessore del Comune di Pescara Nicoletta di Nisio e del Direttore Generale della Asl di Pescara Antonio Caponetti. È un periodo difficile per tutti ma lo è ancor di più per chi vive una disabilità sulla propria pelle o su quella di un proprio familiare, la mancanza della rete scolastica, terapeutica e sociale rende la quotidianità drammatica. Nonostante questo dal mondo della disabilità L’associazione Carrozzine Determinate vuole lanciare un segnale di speranza, invitando tutti a donare, a dare un proprio contributo seppur piccolissimo, a favore degli eroi che dentro gli ospedali si stanno quotidianamente consumando nella lotta contro questo nemico invisibile, sacrificando la propria salute e le proprie famiglie, perché se lottiamo tutti insieme #tuttoandràbene.

2 RESPIRATORI DONATI DALLA FAMIGLIA PASSACQUA ALL’OSPEDALE DI GIULIANOVA

Domani mattina, alle ore 12.00 all’Ospedale di Giulianova, alla presenza del Direttore Generale f.f. della Asl di Teramo Maurizio Di Giosia, la famiglia di imprenditori giuliesi Passacqua donerà al reparto di Rianimazione due respiratori Philips di ultima generazione, che andranno ad aggiungersi a quelli già presenti, creando due nuove postazioni per il presidio ospedaliero. Si tratta dei primi due respiratori che arrivano in provincia di Teramo a supporto dei macchinari già esistenti. “Ringraziamo gli imprenditori del territorio che sono attivati fin da subito per questa importante donazione – dichiara il Sindaco Jwan Costantini – che consentirà la creazione di due ulteriori postazioni per il trattamento dei pazienti con difficoltà respiratorie”. In allegato foto del Sindaco Jwan Costantini con l’imprenditore Kristian Passacqua scattata in occasione di una cerimonia nel novembre 2019.

EMERGENZA CORONAVIRUS, IL SOSTEGNO DELL’ANCE

Una donazione di 50 mila euro per l’acquisto di un macchinario di primaria importanza nella lotta al Coronavirus e altre 50 mila per sostenere l’ospedale Covid-19 di Atessa. L’ANCE Chieti Pescara, Sezione Costruttori Edili di Confindustria Chieti Pescara, dà il pieno sostegno alla Sanità pubblica in questo momento di emergenza rispondendo alle richieste di aiuto delle Asl di Pescara e di Lanciano-Vasto-Chieti. Il laboratorio di Microbiologia e Virologia Clinica della Asl di Pescara ha processato finora oltre 2900 tamponi provenienti da tutto il territorio abruzzese, circa 300 al giorno. Ora bisogna fare un salto in avanti velocizzando il processo attraverso un sistema automatizzato, altamente performante, in grado di effettuare migliaia di test a settimana per la conferma di contagio da Covid-19. Il macchinario, prodotto dalla società statunitense Open-Trans, costa 98 mila euro e la Asl ha dato il via ad una gara di solidarietà a cui l’ANCE ha risposto con un immediato contributo di 50 mila euro. La stessa cifra che l’Associazione di Costruttori ha devoluto in queste ore all’ospedale di Atessa per la realizzazione del reparto di Medicina Covid-19. Si punta ad attivare sessanta nuovi posti letto di Medicina sub intensiva, con il supporto di tre ventilatori polmonari, e a rendere operativi il secondo e terzo piano del presidio. Per farlo, occorre eseguire alcuni lavori di adeguamento e acquistare elettromedicali e arredi. Tutto in quindici giorni. “E’ una corsa contro il tempo”, afferma il presidente di ANCE Chieti Pescara Gennaro Strever, “il servizio sanitario pubblico ha bisogno del nostro sostegno in un momento di grave urgenza come quello che stiamo vivendo, e noi come Associazione dei Costruttori edili non ci tiriamo indietro, vogliamo esserci e dare il nostro contributo fattivo. Gli operatori sanitari sono chiamati ad uno sforzo enorme in questo frangente drammatico, costretti tra il dovere di salvare vite e la mancanza di risorse necessarie ad attivare strutture e attrezzature dedicate. Noi vogliamo essere al loro fianco con tutta la determinazione che la situazione richiede”. Relazioni con i Media Confindustria Chieti Pescara – Laura Federicis – 085/4325543 – 340/5579577 l.federicis@confindustriachpe.it – www.confindustriachpe.it

CORONAVIRUS: AICS AMBIENTE LANCIA FORMAZIONE AMBIENTALE DA CASA

Docenti, educatori e ragazzi destinatari di programmi ad hoc e connessioni video in simultanea con sale virtuali dedicate. Nell’era del corona virus ci si è ritrovati inaspettatamente in casa, tutti insieme, 24 ore al giorno. E dunque accettata questa limitazione delle libertà personali per garantire maggiore sicurezza, è giusto anche pensare a come impiegare il nostro tempo. Alle numerose iniziative messe in campo in tutta Italia, si aggiunge il programma di una serie di moduli formativi on line destinato a docenti ed educatori, ragazzi/e da parte della commissione nazionale ambiente di AICS sulle più efficaci strategie di coinvolgimento per i più giovani sulle tematiche ambientali.

‘Lo sforzo per combattere il terribile virus deve, a ns avviso, articolarsi su due assi prioritari. Uno è quello fondamentale della messa in sicurezza delle persone, della cura degli ammalati della protezione degli operatori al lavoro nonostante tutto. L’altro è quello di offrire alle persone in casa delle opportunità per impiegare parte del proprio tempo in modo proficuo interagendo, tra l’altro, con strumenti digitali in modo innovativo per i più così Andrea Nesi responsabile ambiente di AICS. ‘Abbiamo lanciato una serie di eventi formativi on-line con l’utilizzo della piattaforma GOTOMEET, destinati a docenti ed educatori, ma anche a classi di ragazzi diffuse. Il nostro obiettivo è sempre lo stesso, lo era anche prima del corona virus, far arrivare ai giovani l’ambiente in modo diverso, con linguaggi, progetti ed attività innovativi. Per i docenti ci saranno strumenti dedicati ed un attestato nazionale rilasciato dalla commissione ambiente di AICS, per i ragazzi attività divertenti ed un concorso con premiazione a fine emergenza virus. Saranno sessioni a numero chiuso, inizialmente 25 iscritti max, tutti collegati a video con la nostra assistenza e possibilità di interagire’ – continua Nesi -. Prima sessione, Ambiente & Giovani, la comunicazione che fa la differenza, il lunedì 30 marzo pv alle ore 18,15 con prenotazione entro le 20 di domenica 29, la seconda il lunedì successivo, stessi orari, si intitolerà MANGIATORI DI SQUALI, progetto AICS che tratta i temi dell’alimentazione e dell’impatto sulla natura in modo innovativo ed al passo con i tempi, realizzato in collaborazione con il pescecanologo di fama internazionale Remo Sabatini che sarà presente e docente, il mercoledì la prima lezione di classe grazie alla prima adesione da parte di un comune, il comune di Tolfa ha sposato con entusiasmo questa nostra iniziativa coinvolgendo immediatamente docenti e ragazzi. Menzione speciale al sindaco di Tolfa Luigi Landi che si trova in quarantena e ciononostante si adoperato per essere in prima linea nel progetto!. Le grandi crisi costringono a grandi cambiamenti, esplorando strade nuove, questa è forse l’unica nota positiva in questo momento tragicamente epocale. Nel nostro piccolo cerchiamo di dare il nostro contributo’ conclude Nesi

LA L.I.D.U. AVVIA SERVIZIO DI ASSISTENZA PSICOLOGICA

Il disagio dell’emergenza Covid-19 sta causando nella popolazione stati d’ansia e difficoltà di carattere psicologico ai quali la Lega Internazionale per i Diritti dell’Uomo (L.I.D.U.) – Regione Abruzzo e Molise ha voluto far fronte con un servizio di assistenza psicologica specifica. Il Coronavirus sta iniziando a condizionare la vita quotidiana della popolazione. L’OMS, le autorità, le Istituzioni stanno chiedendo ai cittadini di seguire, scrupolosamente, tutte le direttive dagli esperti per arrestare il contagio del virus. Gli obiettivi comuni sono molteplici: frenare la diffusione del contagio, scongiurare che i cittadini più fragili si ammalino e salvaguardare il sistema sanitario nazionale. Per fronteggiare il momento critico la L.I.D.U. – Abuzzo e Molise ha costituito il “PRONTO C.A.P.”, un Coordinamento di Assistenza Psicologica gratuita telefonica: una parola di conforto uno spazio di ascolto e sostegno dove l’emergenza coronavirus viene affrontata anche dal punto di vista emotivo. Fanno parte del Coordinamento il medico dott. Giancarlo Petrocelli, il team di psicologi dott.ssa Monica Nicolucci, dott.ssa Chiara Serra, dott.ssa Claudia Fioriti e il dott. Angelo Vecchiarelli coordinati dalla Responsabile dott.ssa Michela Leone. Attraverso questo spazio gratuito telefonico oppure con videochiamate i professionisti potranno fornire, ai cittadini, la consulenza e l’aiuto su tematiche connesse all’emergenza in atto, in particolare ci si dedicherà sui vissuti psicologici associati all’attuale emergenza Covid-19 e alle conseguenti condizioni di ansia e stress ad essa collegate. Per prenotare l’assistenza basterà comporre il numero 0872 592119 e sarete messi in contatto con lo psicologo incaricato. In alternativa, è possibile inviare una e-mail al seguente indirizzo: segreteria@liduabruzzo.it. Il servizio completamente gratuito è attivo dal lunedì al sabato con i seguenti orari: dalle ore 9.00 alle ore 12.00, dalle 16.00 alle 19.00. “È un servizio molto importante perché questa emergenza richiede un’attenzione particolare sul fronte emotivo e psicologico” – dichiara, Massimo Bomba, Presidente della Lega Internazionale per i Diritti dell’Uomo (L.I.D.U. – Abruzzo e Molise). “Sono giorni di grande di apprensione per i cittadini del nostro Paese, per gli abruzzesi e per quelli della vicina Regione Molise. Da sempre, la L.I.D.U. si batte in prima linea per la salvaguardia dei diritti e della dignità umana, operando incessantemente per dare un significato ed un effetto reale a quanto sancito dai trattati e le convenzioni internazionali in tema di diritti umani e salvaguardia delle minoranze”. Adesso è venuto il momento di dare una mano concreta, l’aiuto offerto dai nostri professionisti si rivolge direttamente ai cittadini che stanno vivendo l’emergenza”. “Quindi non si tratta – conclude il Presidente – di un servizio di informazioni sul Covid-19 (per questo si deve fare riferimento al numero di pubblica utilità ministeriale 1500) ma di un sostegno psicologico a chi ha bisogno”. Lanciano, 20 marzo 2020.

L’ORDINE DEGLI ARCHITETTI COMPIE 40 E DONA 2000 EURO ALLA CROCE ROSSA ITALIANA
Era il 20 febbraio 1980 quando, con il primo consiglio del neocostituito Ordine degli Architetti della provincia di Teramo, i consiglieri eletti designavano le cariche istituzionali. Il Consiglio dell’Ordine degli Architetti, formalmente costituito nella provincia di Teramo, era
composto dal Presidente, Arch. Alfonso De Albentiis, dal Segretario Arch. Aldorino Di Gaetano, dal Tesoriere Arch. Mattia Irto, e dai Consiglieri Arch. Mariano Moroni e Arch. Franco Storto. Iniziava, così, la storia dell’Ordine degli Architetti della provincia di Teramo, che ha caratterizzato, in questi 40 anni, la vita sociale e professionale del nostro territorio, non facendo mai mancare il contributo dei suoi iscritti in tutte le fasi storiche della nostra
società, in particolare nei momenti di necessità. “Gli architetti, pianificatori, paesaggisti e conservatori – dichiara il Presidente dell’Ordine, Arch. Raffaele Di Marcello – sono sempre stati in prima linea nei momenti di emergenza; basti pensare al contributo dato nel post sisma del 2009 e del 2016 e l’abnegazione con la quale viene portato avanti il difficile processo della ricostruzione, che vede impegnati migliaia di professionisti. Non ci siamo mai sottratti alle responsabilità che il nostro ruolo richiede, consapevoli che il nostro lavoro, oltre ad essere il mezzo di sostentamento delle nostre famiglie, ha anche un fondamentale aspetto di pubblica utilità.”
“In questo momento di ulteriore difficoltà – continua Di Marcello – non possiamo far altro che portare avanti le nostre attività, ritenute indispensabili anche dall’ultimo decreto, rispettando le misure di sicurezza necessarie, pur con la legittima preoccupazione per la nostra salute e quella dei nostri cari.”
“Siamo vicini – evidenzia il Presidente dell’Ordine – a tutte quelle figure professionali, medici, infermieri ed operatori sanitari in primis, che sono impegnate in prima linea per sconfiggere l’epidemia che ha cambiato le nostre vite. A loro, e a tutti i lavoratori che sono
tuttora impegnati nelle attività di supporto alla vita quotidiana, va il nostro pensiero. Per questo l’Ordine ha deciso di donare 2000 euro alla Croce Rossa Italiana, comitato di Teramo, stanziando una parte dei fondi previsti per le celebrazioni del quarantennale. E’ di certo una piccola goccia in un immenso mare di necessità, ma tante gocce creano un fiume di solidarietà che darà un supporto, quanto meno economico, alla battaglia che ognuno di noi sta combattendo”. “Abbiamo anche sensibilizzato i nostri iscritti in merito agli appelli fatti da altri Enti ed Organismi impegnati nell’emergenza – dalla ASL di Teramo, alla Protezione Civile, al Comune di Atri – ed i singoli Consiglieri ed iscritti hanno risposto con la consueta generosità. Noi ci siamo, da quarant’anni, e continueremo ad esserci, con il nostro lavoro ed il nostro patrimonio di competenze e conoscenze, pronti a dare il nostro contributo alla rinascita del nostro territorio. Auguri a tutti gli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della provincia di Teramo, e grazie per quello che, quotidianamente, continuate a fare.”

I LIONS DEL VASTESE DONANO MASCHERINE ALL’OSPEDALE S. PIO

In un momento particolarmente difficile come quello che sta attraversando il nostro Paese, ognuno è chiamato a fare la propria parte nei limiti delle possibilità e delle disponibilità. Nonostante il blocco di ogni attività lionistica disposto conformemente alle disposizioni dei vari DPCM emanati finora, i quattro Lions Clubs del vastese (Vasto Host, Vasto Adriatica Vittoria Colonna, Vasto New Century e San Salvo) hanno voluto comunque dare il loro contributo allo sforzo che i sanitari stanno facendo nella lotta all’epidemia da coronavirus, e lo hanno fatto con un gesto importante come quello di donare 500 mascherine all’Unità operativa di Pronto Soccorso dell’ospedale S. Pio di Vasto. In questi momenti in cui è divenuto difficile anche portare avanti le loro molteplici attività di servizio, i 4 Lions Clubs del vastese non potevamo non essere vicini alle loro comunità e soprattutto a chi lotta in prima linea contro il Covid-19. Il tutto mentre la Lions Clubs International Foundation mette a disposizione del nostro Paese una dotazione di 350mila USD che ha assegnato al Multidistretto 108 Italy. Proprio in queste ore il Consiglio dei Governatori ha deciso l’acquisto e la donazione di ventilatori polmonari che, in breve tempo, saranno messi a disposizione degli ospedali delle aree maggiormente colpite dall’epidemia, seguendo le indicazioni dell’Autorità sanitaria nazionale. Inoltre è stata avviata una raccolta fondi aperta al contributo di tutti i cittadini che, se vorranno, potranno versare un importo direttamente sul conto corrente del Multidistretto Lions Italia IBAN

IT03T052160322000000000945 con la causale ‘Progetto ventilatori polmonari’.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *