400 lavoratori della Dayco continuano a lavorare

Alla Dayco si continua a lavorare nonostante non rientra tra le attività essenziale, secondo il Decreto Legge sull’emergenza Covid, e soprattutto non è una produzione necessaria.

La colpa di questa situazione nell’azienda Dayco è causata dai ritardi della burocrazia e soprattutto della volontà di non decidere – denunciano i Segretari Generali di Filctem CGIL, Femca CISL e Uiltec UIL.

Sono passati diversi giorni dalla nostra segnalazione ai Prefetti di Pescara e di Chieti e non abbiamo avuto nessuna risposta chiara e una decisione non è stata ancora presa e il tempo passa. L’attuazione del Decreto Legge sulla sospensione delle attività produttive non essenziali doveva essere immediata perché le conseguenze ricadranno sulle persone e si vedranno in futuro”.

Il prefetto di Pescara ha chiesto il parere di Confindustria Chieti/Pescara che ha comunicato il fermo produttivo della Dayco nella settimana di Pasqua. Per Filctem CGIL, Femca CISL e Uiltec UIL, “è una comunicazione inaccettabile perché non è altro che una decisione dell’azienda che ci aveva anticipato nell’ultimo incontro e il blocco delle linee – proseguono Petaccia, Di Crescenzo e Del Fiacco – è dovuto ad una programmazione della produzione già decisa e non per rispetto del Decreto ministeriale. Siamo basiti di fronte a tale comportamento lassista di Confindustria che dovrebbe garantire l’applicazione del decreto ministeriale e gli Accordi con le Parti sociali, e l’equità di trattamento a livello nazionale per non creare concorrenza sleale tra le aziende. Probabilmente gli interessi economici sono sopra a tutto”.  

In attuazione del decreto ministeriale i Prefetti devono agire con celerità. “E’ inutile procrastinare la decisione e deve essere chiaro e inequivocabile se la Dayco può produrre o meno – concludono i sindacati – Questo per rispetto delle parti sociali, dei lavoratori, di tutta la cittadinanza e di tutte quelle aziende della filiera dell’automotive che hanno chiuso per l’emergenza Covid e che in base a questa interpretazione potrebbero riaprire i battenti generando movimentazioni assai più massicce di lavoratori”.

La decisione deve essere presa a prescindere dalla comunicazione della Dayco in quanto nessuno può oggi aver certezza se fra 10 giorni il Governo potrà alleggerire le restrizioni in essere”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *