I sindacati della Polizia Penitenziaria chiedono di sottoporre a test tutti gli agenti

SAPPE, OSAPP SINAPPE, UILPA P.P., CISL USPP, CNPP CGIL, fortemente preoccupate per le difficoltose realtà lavorative della Polizia Penitenziaria in Abruzzo, normalmente costretta a lavorare in ambienti sovraffollati ed in carenza di personale, di fronte ad una situazione ora aggravata dalla pandemia in atto e dal fatto che i lavoratori non sono supportati a livello logistico da un’adeguata prevenzione a causa della scarsità delle forniture dei D.P.I. hanno chiesto al Presidente della Regione Abruzzo Marco Marsilio, di farsi promotore, come già avvenuto in altre regioni, della sottoposizione a idonei test diagnostici a tutto il personale di Polizia Penitenziaria, anche se asintomatico, proprio per prevenire l’insorgenza di focolai COVID19 nelle carceri abruzzesi.

Se aggiungiamo poi l’inedita situazione nazionale che vede la sospensione dei colloqui con i familiari per i detenuti, il conseguente aumento dei carichi di lavoro per la Polizia Penitenziaria e la crescente tensione tra la popolazione detenuta otteniamo un panorama a dir poco allarmante. Il nostro pensiero corre a quello che potrebbe accadere quando, speriamo mai, il COVID19 entrerà negli istituti; ed è proprio per evitare o comunque ritardare il più possibile quest’altro pericoloso ospite nelle carceri abruzzesi che la nostra richiesta venga accolta”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *