A casa di clienti per barba e capelli. Sorpreso dai carabinieri e multato

A Vasto arrestato pregiudicato che evade dai domiciliari. Il Prefetto di Pescara convoca il Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica e dispone controlli a tappeto per i giorni della Pasqua.Da quando è arrivato il Coronavirus è diventato sempre più difficile prendersi cura della propria persona perché, come è oramai noto, le attività che se ne occupano sono state messe in ferie forzate. Tuttavia c’è chi, in barba ai provvedimenti, offre i suoi servizi a domicilio. È quello che fino a pochi giorni fa faceva un barbiere quarantaseienne di Ripa Teatina.

L’uomo dopo aver offerto i suoi servizi ad un cliente stava rientrando verso il proprio domicilio quando ad un certo punto, lungo la strada, incontra una pattuglia dei Carabinieri del Nucleo Operativo Radio Mobile di Chieti. I militari tentano di fermarlo per eseguire i controlli ma il barbiere, in barba all’alt dei militari, prosegue a velocità sostenuta sulla sua strada.

La pattuglia lo insegue per 4 chilometri e quando finalmente riesce a bloccarlo ispezionano il suo veicolo e viene rinvenuta una busta di plastica con al suo interno tutti gli attrezzi del mestiere ancora sporchi dei capelli dei clienti. Per il barbiere, che ha provato a giustificarsi per il suo gesto avventato per paura di essere multato è scattata una doppia sanzione. Infatti, oltre a pagare la contravvenzione per la violazione delle misure anti Coronavirus è stato anche denunciato a piede libero per resistenza a pubblico ufficiale.

A VASTO LA POLIZIA ARRESTA UOMO PER EVASIONE E RESISTENZA

i poliziotti del Commissariato di Vasto sono intervenuti ieri piazza della Repubblica, dove un uomo, in evidente stato di alterazione alcoolica creava disturbo e violando tra l’altro l’obbligo di restare a casa. All’arrivo degli agenti l’uomo inveiva contro gli stessi e ripetutamente tentava di salire su un motoveicolo in proprio possesso, nonostante versasse in un evidente stato di alterazione psicofisica. Il mezzo risultava inoltre privo di copertura assicurativa e di revisione. I poliziotti ripetutamente invitavano l’uomo alla calma e soprattutto ad astenersi dall’utilizzare il mezzo. Nonostante i tentati farlo ragionare, l’uomo ha reagito, aggredendo fisicamente uno dei due agenti e minacciandolo nel contempo di morte. L’uomo, identificato in D.M., attualmente detenuto presso il proprio domicilio per plurimi gravi reati, risultava aver violato la misura restrittiva. Inoltre qualche ora prima, aveva anche danneggiato un automezzo del servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e minacciato il personale operante. Inevitabile l’arresto per evasione e resistenza a pubblico ufficiale. Per aver violato le prescrizioni dei DPCM emanati ai fini del contenimento del contagio da Covid19, è stato multato di euro 400,00.

LA POLIZIA: A PASQUA E PASQUETTA TUTTI A CASA. E I CONTROLLI SARANNO PIU’ SERRATI

Negli ultimi giorni sono stati comunicati dati positivi nella lotta al Covid-19, un segnale che rischia di ingenerare nei cittadini la convinzione che l’emergenza stia passando e che sia possibile alleggerire la guardia sulle norme attuate dal Governo per il contenimento della diffusione della pandemia. A tal proposito, stamattina, in videoconferenza, si è tenuto il Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica presieduto dal Prefetto Gerardina Basilicata che ha disposto l’intensificazione massiccia dei controlli per il periodo delle festività pasquali. 

La disposizione sarà attuata dal Questore di Pescara, Francesco Misiti, attraverso l’azione sinergica e massiccia della Polizia di Stato, dell’Arma dei Carabinieri, della Guardia di Finanza, presente anche con il gruppo R.O.A.N., della Polizia Municipale e della Capitaneria di Porto. Polizia di Stato e Carabinieri presidieranno tutte le principali arterie di accesso a Pescara e l’intera città, al fine di evitare che la gente si sposti per raggiungere le abitazioni di familiari ed amici; in tal senso, saranno controllati i caselli autostradali e le strade provinciali. Al fine di evitare pericolosi assembramenti, la Polizia Municipale presidierà la riviera mentre il personale della Capitaneria di Porto e del Gruppo ROAN della Guardia di Finanza si occuperà di controllare la spiaggia.  

A Montesilvano, i Carabinieri e la Polizia Municipale presidieranno le vie cittadine ed il lungomare; la Polizia Stradale controllerà il flusso d’ingresso del casello autostradale Pescara Nord. 

“Non possiamo permetterci di vanificare gli sforzi fatti nelle ultime settimane, pur avendo il desiderio legittimo di farci una passeggiata all’aria aperta o di passare qualche ora in compagnia; siamo tutti chiamati a sconfiggere questo infido nemico, forze dell’ordine, sanitari, operatori nei servizi essenziali e molti altri. Ognuno DEVE fare la sua parte, ma solo con l’aiuto dei cittadini riusciremo ad uscirne. Cerchiamo di essere uniti e ce la faremo. Perciò si raccomanda, anche nei giorni di festa, di attenersi scrupolosamente a quanto previsto dalla normativa vigente che prevede di uscire dalla propria abitazione solo per comprovate esigenze lavorative, per stato di necessità o per motivi di salute, esigenze che verranno poi accertate dai numerosi operatori delle Forze dell’Ordine”.

 I controlli, già in atto, saranno maggiori e più incisivi nelle giornate venerdì, sabato, domenica di Pasqua e lunedì di Pasquetta.

Poste Italiane e l’Arma dei Carabinieri hanno sottoscritto una convenzione grazie alla quale tutti i cittadini di età pari o superiore a 75 anni che percepiscono prestazioni previdenziali presso gli Uffici Postali, che riscuotono normalmente la pensione in contanti, possono chiedere di ricevere gratuitamente le somme in denaro presso il loro domicilio, delegando al ritiro i Carabinieri. Il servizio non potrà essere reso a coloro che abbiano già delegato altri soggetti alla riscossione, abbiano un libretto o un conto postale o che vivano con familiari o comunque questi siano dimoranti nelle vicinanze della loro abitazione.

L’accordo è parte del più ampio sforzo messo in atto dai due partner istituzionali, ciascuno nel proprio ambito di attività, per contrastare la diffusione del Covid-19 e mitigarne gli effetti, anche mediante l’adozione di misure straordinarie volte ad evitare gli spostamenti fisici delle persone, ed in particolare dei soggetti a maggior rischio, in ogni caso garantendo il mantenimento della distanza interpersonale di almeno un metro. L’iniziativa permette anche di tutelare i soggetti beneficiari dalla commissione di reati a loro danno, quali, truffe, rapine e scippi.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *