La solidarietà nell’emergenza coronavirus

Un progetto per diffondere la spesa sospesa in tutta Italia Nasce nel Comune fiorentino di Scandicci La SoSpesa, il nuovo progetto che vuole diffondere la pratica della spesa sospesa ed arriva fino in Abruzzo; a Guardiagrele e Rapino le prime adesioni. In questo periodo di emergenza, numerose sono le iniziative individuali che si stanno diffondendo lungo la Penisola, ma perché non riunirle in una? L’idea è semplice: creare una rete di negozi e supermercati in cui i clienti possono donare uno o più prodotti lasciandoli già pagati in negozio, affinché chi si trova in situazione di necessità possa prenderli. Una rete che ha la potenzialità di svilupparsi senza limiti di tempo o di spazio, per diventare un punto di riferimento per tutte quelle persone che si trovano in difficoltà, sia oggi, nel momento dell’emergenza sia (che) quando (questa) sarà finita. Inka Zulli, consigliere comunale del Comune di Guardiagrele, referente del progetto “La Sospesa Guardiagrele e dintorni”: L’obiettivo è quello di creare risposte attive che coniughino iniziativa privata, commercio, solidarietà e lotta allo spreco alimentare per quanto concerne i bene deperibili.” Molte sono le attività che hanno aderito, ma l’iniziativa non ha limiti di tempo, ognuno può farlo quando lo ritiene opportuno. Le attività che hanno aderito possono essere riconosciute per il manifestino dell’iniziativa esposto fuori dal negozio. Antonello Ferrante, referente dell’associazione “L’Alternativa” di Rapino sottolinea che in 4 giorni di veloce passaparola abbiamo coinvolto la quasi totalità delle attività di Rapino e moltissime persone si sono mosse per iniziare a donare. Un ottimo inizio, che fa ben sperare in una stabile collaborazione dei nostri concittadini alla creazione di una rete di solidarietà efficiente, pronta al sostegno di chi, in questo momento o in futuro, si trovi in situazioni di difficoltà. L’idea alla base de La SoSpesa è quella di generare solidarietà diffusa, in cui tutte le parti in azione risultano vincenti: i titolari delle botteghe del centro e i supermercati, anima dell’economia dei nostri paesi, che vedono aumentare gli scontrini grazie ai prodotti donati, i clienti, che hanno la possibilità di donare con canali diretti e le persone che hanno bisogno, che ricevono un aiuto per poter superare periodi di difficoltà. L’iniziativa è gratuita e senza scopo di lucro. Se sarà necessario collaboreremo anche con le associazioni locali per l’eventuale consegna dei beni che dovessero rimanere nei cesti più del dovuto. Inoltre un appello a tutti i titolari di attività commerciali che desiderano aderire o ai privati che vogliono diffondere La SoSpesa nel loro territorio: “Contattateci e passate parola!”. Per maggiori informazioni o adesioni, potete consultare le pagina Facebook “La SoSpesa Guardiagrele e dintorni” o “La SoSpesa Rapino” oppure inviare un’email a lasospesa.guardiagrele@gmail.com o lasospesa.rapino@gmail.com

DAL CARCERE DI LANCIANO DONAZIONE AL POLICLINICO UNIVERSITARIO DI ROMA

I detenuti del carcere di Lanciano in hanno fatto una donazione per il Covid Center del Policlinico universitario Campus biomedico a Roma. I soldi raccolti aiuteranno a sostenere il funzionamento del centro di cura specializzato nel trattamento di pazienti affetti da Coronavirus.

COLOMBE ALLA CROCE ROSSA DI LANCIANO

La pasticceria Copa de Dora, di San Vito Chietino, ha donato colombe pasquali alla Croce Rossa di Lanciano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *