Bergamo, gli Alpini di Atessa donano gelati agli ospiti di 4 RSA

La solidarietà degli Alpini non ha mai conosciuti confini. D’altro canto sono i fatti a raccontare che nell’emergenza scaturita dal diffondersi del coronavirus, l’Associazione Nazionale Alpini si è prodigata da subito per offrire la propria assistenza alla popolazione. Un impegno che prosegue incessante e che si è manifestato ad esempio nella realizzazione di ospedali da campo, come quello messo in piedi a Bergamo, una delle città più colpite in Italia dal Covid 19, e in mille altri servizi che le Penne Nere offrono quotidianamente su tutta la Penisola.

E proprio a Bergamo, in questi giorni, il Gruppo di Protezione Civile dell’Ana di Atessa, è stato protagonista di un gesto che ha voluto regalare un momento di normalità, e perché no, anche di dolcezza, agli ospiti di quattro residenze per anziani della città lombarda ai quali sono stati donati 10mila gelati. La consegna, coordinata dall’ANA Nazionale, è stata fatta da Antonio Ciallella, Capogruppo della ‘Renato Spaventa’ nonché Responsabile del IV Raggruppamento ANA, e dal volontario Nicola Cotellessa. I gelati sono stati messi a disposizione da Mario e Vincenzo Cotellessa, titolari di una azienda di surgelati, che commercia all’ingrosso dolciumi, prodotti da forno, prodotti panetteria, zucchero, gelati e cioccolato e che opera nella zona industriale di Atessa.

Non solo. Gli Alpini atessani, nel loro viaggio a Nord, non hanno dimenticato nemmeno i cittadini di Cavezzo, in provincia di Modena, gravemente danneggiata dal terremoto del maggio 2012. Lì la Protezione Civile dell’ANA Abruzzi, operò a lungo in soccorso della popolazione locale e da allora si è creato un legame molto forte. Anche nella città emiliana il Gruppo Spaventa ha fatto dono di 10mila gelati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *