Funerali, le disposizione dell’Arcivescovo della Diocesi Lanciano-Ortona

L’Arcivescovo della Diocesi Lanciano-Ortona, don Emidio Cipollone, ha diffuso un comunicato ai parroci d’interesse anche per i fedeli, nel quale puntualizza i comportamenti e le misure di sicurezza sanitaria alla luce delle nuove disposizioni riguardanti “Celebrazioni Esequiali” in tempo di Covid-19.

Visto il DPCM del 26 aprile scorso, che prevede all’art. 1 lett. i) un ulteriore adeguamento delle norme riguardanti le celebrazioni dei funerali con effetto dal 04 maggio 2020; vista la risposta del Ministero dell’Interno al quesito della CEI del 30 aprile 2020 e vista altresì la Nota CEI complementare al testo del Ministero dell’Interno con medesima data; considerate le misure da ottemperare con cura nel rispetto della normativa sanitaria: – misurazione della temperatura corporea, attraverso termometro digitale o termo-scanner (condizione da soddisfare qualora si celebri in chiesa oppure, per diverse ragioni, all’aperto); – utilizzo della mascherina; – distribuzione dell’Eucaristia da parte del celebrante con cura minuziosa dell’igiene delle proprie mani; – regolare sanificazione della chiesa; – individuazione di un addetto alla sicurezza e di un gruppo di volontari a cui affidare il servizio d’ordine per una ordinata celebrazione “in sicurezza”; considerato che le misure sono pervenute alla soglia delle festività del 01 maggio; ritenuto che le Comunità Parrocchiali dell’Arcidiocesi di Lanciano-Ortona non possano materialmente soddisfare tutte le giuste condizioni precauzionali elencate poc’anzi entro il 4 maggio; ritenute altresì condivisili le considerazioni fatte da S. E. Mons. Bruno Forte nel comunicato del 30 aprile 2020 firmato dal Vicario Generale Mons. Cassio Menna; è mia premura comunicare che, qualora i Parroci e gli Amministratori Parrocchiali non abbiano già conseguito un pieno raggiungimento delle condizioni richieste (la qual cosa dovrà essere comunicata alla Curia Arcivescovile, che ne verificherà il soddisfacimento) questi saranno tenuti, fino a quando non saranno disposte misure con Decreto Arcivescovile, a celebrare la sola benedizione esequiale direttamente al Cimitero, come normato dalle Disposizioni attuative del 12 marzo 2020. L’Arcidiocesi, in aiuto alle Comunità Parrocchiali, è impegnata economicamente sin da ora nella ricerca tempestiva di mezzi e strumenti idonei a che tutti i Parroci e Amministratori Parrocchiali possano svolgere il ministero pastorale “in sicurezza” durante il periodo di emergenza. Ricordo a tutti i sacerdoti, in qualità di cittadini responsabili, di osservare con molta cura e prudenza le norme igienico-sanitarie emanate dallo Stato e recepite dalla Chiesa Italiana; ne va della salute dei nostri fedeli e della credibilità della Chiesa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *