Maltratta i suoi figli e quelli della convivente: arrestato dai Carabinieri

La convivenza in quarantena è già difficile per una coppia ben rodata, figuriamoci per una coppia con una lunga storia travagliata, basata su continui litigi e denunce per atti persecutori.

Nel primo pomeriggio di ieri i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Chieti hanno ricevuto la chiamata di una donna che, singhiozzando, ha richiesto il loro intervento. Quando la pattuglia è arrivata nell’abitazione della donna, ha trovato un uomo seduto all’ingresso, la donna all’interno della casa e 4 minorenni di età compresa tra 4 e 12 anni, spaventati, al piano superiore.

La donna ha raccontato ai militari che l’ex compagno C.G., trentanovenne di Atri, e padre dei due bambini più piccoli, dopo aver bevuto gli si era scagliato contro. A quel punto il figlio maggiore della donna è accorso per difendere la madre ma è stato scaraventato sul divano dall’uomo, che ha tentato di strangolarlo. Soltanto l’intervento della madre e del secondogenito ha evitato conseguenze peggiori.

Vista anche la presenza sui ragazzi di segni dovuti ad abusi precedenti, gli uomini dell’Arma hanno fatto intervenire il 118 di Chieti; nel frangente C.G. è stato portato in caserma.

Da un’analisi più approfondita è emerso che, nei due mesi e mezzo di lockdown durante i quali l’uomo si era trasferito stabilmente a casa della ex compagna, i bambini hanno subito numerose violenze. Su ordine della Procura della Repubblica di Chieti il trentanovenne è stato arrestato e associato alla casa circondariale di Madonna del Freddo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *