Agenti di viaggio e Regione: positivo, anche se non risolutivo, il bilancio del primo incontro

È positivo, anche se non risolutivo, il bilancio del primo incontro che si è svolto stamattina tra i rappresentanti delle agenzie di viaggi, che hanno manifestato in piazza Unione a Pescara, e l’assessore regionale al Turismo e alle Attività produttive, Mauro Febbo.

Il sit-in degli operatori turistici a Pescara

Durante l’incontro avuto con l’assessore Mauro Febbo – spiega Erminio Di Cioccio, portavoce del Movimento spontaneo agenzie viaggi abruzzesi – abbiamo avuto modo di spiegare i disagi che tutta la nostra categoria sta attraversando, chiedendo degli interventi ad hoc, come un contributo a fondo perduto calcolato sui nostri fatturati reali. Abbiamo chiesto e ottenuto da Febbo la presentazione di un emendamento alla proposta di legge per il settore turistico, oggetto di discussione domani nel corso del Consiglio regionale. L’iniziale proposta di legge, ora rivista grazie al nostro intervento, prevedeva di destinare alcune risorse a fondo perduto per le agenzie di viaggio calcolate in base al fatturato di aprile. Ma noi abbiamo fatto presente all’assessore che aprile non è un mese per noi di riferimento, poiché i viaggi vengono saldati prima della partenza, quindi abbiamo richiesto e ottenuto di prendere in considerazione il fatturato dell’intero anno, per capire l’entità dei fondi da destinare a ciascuno di noi. Febbo ha accetto la nostra proposta e nel corso del Consiglio presenterà un emendamento alla legge per erogare alle agenzie di viaggi una somma a fondo perduto che va da mille euro fino ad un massimo di tremila euro, cumulabili con eventuali altri interventi da parte del Governo”.

Gli agenti di viaggio, che hanno subito i danni della pandemia e continuano a sostenere perdite dovute anche all’incertezza dei voli da parte delle compagnie aeree e a seguito delle restrizioni sulla possibilità di effettuare viaggi all’estero, hanno poi rimarcato la necessità di avere una programmazione di rilancio nel medio e lungo periodo.

L’obiettivo è salvaguardare le nostre imprese e i nostri collaboratori – continua Di Cioccio -, non vogliamo tirarci indietro e continueremo a fare il possibile, ma abbiamo bisogno di regole certe e uguali per tutti, di sapere quando i nostri dipendenti riceveranno la cassa integrazione e di un piano di rilancio. Riguardo la cassa integrazione la Regione ci ha assicurato, da fonti dell’Inps, che tra 15 giorni arriverà nelle tasche dei nostri dipendenti, noi speriamo che accada e che non sia solo una vana promessa. Per il resto attendiamo l’esito del Consiglio regionale di domani e gli interventi disposti dal Governo per la salvaguardia della nostra categoria, che in Abruzzo conta più di 250 attività per un totale di circa duemila dipendenti”.

Gli agenti di viaggio hanno inoltre proposto alla Regione la possibilità di occuparsi della gestione dei punti infornativi Iat dislocati sul territorio, spesso affidati ad associazioni locali.

Vista la nostra conoscenza capillare del settore del turismo, per migliorare l’attività di incoming – conclude Di Ciocco – abbiamo chiesto a Febbo di poter gestire noi agenti di viaggio i punti Iat, spesso affidati ad associazioni che di turismo sanno poco o nulla. Sembra che la nostra proposta sia piaciuta, ma attendiamo ulteriori sviluppi, visto che l’assessore ha precisato di voler incontrare di nuovo la nostra categoria fra 15 giorni per aggiornamenti ed eventualmente studiare altre soluzioni da mettere in campo per salvare il nostro settore”.

Richieste confermate dall’Assessore Febbo che precisa: “Per la tipologia del lavoro che svolgono, mi è stato chiesto uno specifico emendamento da approvare nella seduta di Consiglio regionale in programma domani, poiché così come impostata la proposta legge non porterà alcun beneficio alla loro categoria. Come Regione – continua Febbo – aspettavamo di leggere il Decreto del Governo per capire come calibrare meglio il nostro intervento a favore di questa specifica categoria. Sempre all’interno della legge che andremo ad approvare nella seduta consigliare di domani sono previste anche risorse a fondo perduto per pagare le locazioni di affitto per i mesi di marzo, aprile e maggio a cui le Agenzie possono eventualmente accedere. Ai rappresentanti delle agenzie turistiche ho, inoltre, illustrato le attività che, come assessore, metterò in campo per far ripartire il turismo non appena terminata l’emergenza Covid tra cui il bonus-vacanze da utilizzare e spendere all’interno della nostra regione e quindi andando a sostenere direttamente il comparto turistico. Infine – conclude Febbo – oggi è fondamentale che le Agenzie, come d’altronde tutte le attività imprenditoriali abruzzesi, possano avere in maniera facile e veloce un contributo necessario ed indispensabile per continuare a portare avanti la propria impresa economica. Domani in Consiglio regionale daremo una risposta concreta alle attività abruzzesi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *