M5S su TUA: a Lanciano 36 mezzi in fermo tecnico. A settembre si rischia il collasso.

Questa mattina i consiglieri regionali dell’opposizione, Francesco Taglieri e Pietro Smargiassi (M5S), hanno svolto una visita ispettiva al deposito di TUA a Lanciano nel corso della quale hanno riscontrato 36 mezzi fermi per guasti tecnici.

Taglieri denuncia che rispetto allo scorso anno sono diminuiti i meccanici provocando una maggiore disfunzionalità nelle riparazioni e che con l’emergenza sanitaria ci sono circa 50 mezzi con assicurazione ad oggi sospesa.

Nonostante la riapertura di aziende ed uffici, la TUA dimostra ancora una volta di non avere un piano per gestire l’aumento progressivo del flusso di utenti che torneranno a riempire i bus con la riapertura delle scuole.

Smargiassi ha evidenziato come sia necessario avere un parco mezzi funzionante dato che, con le misure di distanziamento sociale ancora in corso, è necessario effettuare un maggior numero di corse visto che ad oggi, un mezzo che fino a poco tempo fa poteva portare 50 persone, ne porta solo 12.

Tuttavia, nonostante ci sia soddisfazione per quanto riguarda la sanificazione di mezzi ed ambienti di lavoro, Smargiassi ha evidenziato altre gravi carenze strutturali.

In conclusione entrambi lanciano un monito alla maggioranza, chiedendo di mettere il futuro del trasporto pubblico dell’area frentana in cima alle priorità del governo regionale affinché gli abruzzesi possano tornare a muoversi liberamente e senza disagi.

Pronta la risposta della TUA a Taglieri Sclocco e Smargiassi. La TUA fa sapere che “il servizio attualmente svolto è ampiamente assicurato dalla consistenza della flotta in esercizio, tenuto anche conto che gli utenti che usano i mezzi pubblici sono solo il 10 per cento rispetto a coloro del periodo pre-Covid”.

Nel periodo del lockdown, l’azienda ha provveduto a programmare, in modo efficace e senza ripercussioni sull’esercizio, le manutenzioni sia ordinarie che straordinarie dei propri mezzi; ciò, oltre a non aver provocato alcun impatto negativo per l’utenza, permetterà a TUA di gestire la fase di ritorno a regime del servizio senza problemi. In un’ottica di un sempre maggiore efficientamento dei costi, TUA ha momentaneamente sospeso una serie di assicurazioni su alcuni mezzi che sarebbero rimasti ugualmente fermi in virtù delle riduzioni dei servizi stabiliti a livello nazionale e dalle ordinanze regionali.

Per quanto attiene, infine, ai concorsi – si legge nella nota diffusa in serata -, gli stessi hanno subito una fase di momentaneo stop legato al periodo di emergenza sanitaria; l’Azienda ha riattivato i concorsi, già programmati e autorizzati dal CDA, relativi alle figure professionali dei meccanici”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *