Abruzzo, istituito l’osservatorio regionale aree interne marginali

La formazione di una apposita task force di esperti per dare attenzione alle criticità di aree montane dell’interno dell’Abruzzo. E’ quanto si prefigge l’Assessore Guido Quintino Liris, che ha proposto una apposita delibera approvata dalla Giunta regionale. Si tratta dell’istituzione di un Osservatorio per le aree interne marginali, che prevede anche “in queste zone, fondate sui centri minori – spiega Liris – scontiamo una limitata accessibilità su diversi servizi essenziali, e nel contempo non si riescono a valorizzare adeguatamente le risorse intatte, sia ambientali che culturali, con il rischio di accentuare sempre più la marginalizzazione economica in una regione che vede nell’area costiera un maggiore dinamismo socio-economico. Puntiamo qui ad una concreta politica di sviluppo locale, in un’ottica di progetto di insieme. Vogliamo un Abruzzo unico, unito, che offra a tutti i suoi cittadini le stesse opportunità. Con questo strumento intendiamo dunque favorire una nuova governance, al fine di raccordare e definire i ruoli degli attori istituzionali a tutti i livelli, innestando competenze, favorendo la gestione associata di servizi, raccogliendo le istanze dei territori. L’osservatorio sarà dotato di personale e risorse già disponibili in seno all’ente, dunque senza costo alcuno. Si inizierà subito a lavorare alla predisposizione di una banca dati informativa della realtà socio-economica del territorio – conclude l’Assessore Liris –  e nel contempo ad individuare risorse da diversi canali: Strategia Nazionale aree interne, POR FSE Abruzzo 2014-2020, Fondo per lo Sport, RE-Start, nonché dalla nuova programmazione comunitaria 2020-2027”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *