Lanciano, operazione antidroga dei carabinieri

Un altro duro colpo allo spaccio di stupefacenti è stato inferto nelle ultime ore dai carabinieri della Compagnia di Lanciano. L’operazione, denominata Doppio gioco, che ha visto la collaborazione di unità cinofile antidroga del comando provinciale di Chieti, è il frutto di un’attività investigativa condotta durante il periodo della quarantena obbligatoria, con pedinamenti, intercettazioni e posizionamento di dispositivo gps, piazzato nell’auto usata da alcuni indagati per gli spostamenti.

L’attività degli uomini dell’Arma e coordinata dal comandante della Compagnia di Lanciano, Vincenzo Orlando, è iniziata nel febbraio scorso ed ha consentito di tracciare acquirenti e chi li riforniva. A.P., infatti, poteva contare sull’appoggio di altri, ora indagati. Un traffico che, secondo gli investigatori, fruttava 15 mila euro al mese. Nel blitz di ieri, i carabinieri hanno scovato nell’abitazione di A.P. 6 involucri contenenti complessivi 160 grammi di cocaina nascosta nel controsoffitto, un katana giapponese e uno scanner per il rilevamento di microspie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *