Baomarc conferma a Febbo il suo impegno per lo stabilimento di Lanciano

La società ha dichiarato che c’è stato un ‘difetto’ di comunicazione e che la scelta di chiudere lo stabilimento di Melfi, con trasferimento di maestranze a Lanciano, non pregiudica gli impegni e gli accordi assunti dopo l’acquisizione agevolata dell’ex Honeywell di Atessa. Anzi, tutt’altro. Lo stabilimento frentano diventa centrale nella strategia aziendale complessiva”.

E’ quanto dichiara l’assessore regionale alle Attività produttive, Mauro Febbo, che oggi ha avuto chiarimenti sulle ultime decisioni assunte dalla Baomarc riguardo l’improvvisa scelta di chiudere lo stabilimento in Basilicata e trasferire produzione e lavoratori a Lanciano. Febbo ha ricevuto la chiamata dell’Amministratore Delegato della società, Andrea Mazzesi, che ha confermato la volontà della stessa di rispettare gli accordi sottoscritti a seguito dell’acquisizione della ex Honeywell di Atessa ed il relativo cronoprogramma.

“Prendo atto delle affermazioni e delle rassicurazioni – conclude Mauro Febbo – ma sarà mia premura continuare a vigilare sul pieno rispetto degli accordi presi, confermati anche nell’ultimo tavolo svoltosi al Mise, il 10 giugno scorso, con la proprietà, il vicecapo di gabinetto Sorial, le OO.SS. nazionali e locali. La priorità di questo Governo regionale è la soluzione di un’annosa vertenza, ovvero il reinserimento degli ex lavoratori Honeywell”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *