Mostra fotografica sul Cile al Teatro Due Pini di San Vito

Aprirà i battenti domani, al teatro Due Pini di San Vito Chietino, la mostra fotografica sul Cile, dal titolo “Plaza de la dignidad – fotografie di una sollevazione popolare”. L’iniziativa culturale, patrocinata dal Comune rivierasco, è curata da Fabiola Varas e presentata dall’associazione Mercato Scoperto e dal Laboratorio Sociale Largo Tappia in collaborazione con Chile Despertò Italia. Nella mostra saranno esposte le immagini fotografiche di Luca Profenna, scattate durante le proteste avvenute in Cile tra gennaio e febbraio 2020. «Plaza de la Dignidad – spiegano gli organizzatori dell’esposizione – è una storia per immagini che narra avvenimenti collettivi e prese di posizione, lotte, intrecci di vite che formano comunità di resistenza e solidarietà. Comunità che si battono contro il patriarcato e il neoliberismo, per una sanità pubblica reale e accessibile a tutti, contro gli abusi, le violenze, le torture e gli omicidi perpetrati dalla polizia e per un cambio radicale della costituzione risalente all’epoca della dittatura di Pinochet, attraverso il referendum che si dovrebbe tenere il 25 ottobre 2020. Questo referendum è una delle principali vittorie ottenute dai manifestanti che protestano dall’ottobre 2019». Plaza de la Dignidad è una mostra fotografica solidale, uno strumento di supporto per i movimenti cileni per spaccare le tenebre della disinformazione. Ogni foto, ogni immagine rappresenta la bellezza di chi, di fronte alle ingiustizie, non china la testa. La mostra, completamente gratuita, sarà visitabile nei seguenti orari: dal 1 al 3 luglio dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 19; il 4 luglio dalle 10 alle 18. Nel corso della mostra del 4 luglio, alle ore 18, interverranno l’autore degli scatti, Luca Profenna, la giornalista e fotoreporter per Pressenza, Helodie Fazzalari e l’avvocato Maria Rivera della Lega Internazionale dei Lavoratori Cile. Si avrà inoltre l’occasione di sentire telefonicamente, in diretta dal Cile, la portavoce del Machi Celestino Cordova, leader spirituale del Popolo indigeno dei Mapuche, incarcerato ingiustamente insieme ad altri prigionieri politici e come loro in sciopero della fame dal 4 maggio 2020. Al termine degli interventi, ci si sposterà sulla terrazza del vicino mercato coperto per il live di Gae Campana e Crow in acoustic duo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *