Detenzione e spaccio: 300 grammi di stupefacenti sequestrati e 4 denunciati in operazioni della Finanza

I controllo del territorio e di contrasto al traffico di sostanze stupefacenti da parte della Guardia di Finanza di Pescara, hanno portato negli ultimi giorni al sequestro di 300 grammi di stupefacenti e l’individuazione di 4 soggetti responsabili.

Una pattuglia ha fermato un soggetto extracomunitario a bordo di una bicicletta presso la zona del ferro di cavallo, area sensibile di Pescara. L’uomo di circa 25 anni circa, privo di documento di riconoscimento e con precedenti specifici in materia di spaccio di sostanze stupefacenti, pensando di salvare parte della provvista, ha spontaneamente esibito alla pattuglia alcune bustine di cellophane contenenti ognuna un grammo di marijuana. La successiva perquisizione del soggetto consentiva di rinvenire ulteriori dosi in cellophane dotate di chiusura ermetica.

I baschi verdi hanno effettuato ulteriori due sequestri di marijuana ed eroina nei confronti di due soggetti italiani sulla via Tavo, contestando l’ipotesi di uso personale.

Sulla Via Tiburtina Valeria una Lancia Y con a bordo due uomini italiani del chietino. Osservato l’evidente stato di agitazione dei soggetti, la pattuglia ha proceduto all’ispezione dell’autovettura all’esito della quale sono stati rinvenuti nella tasca posteriore del pantalone del conducente 3 involucri termosaldati contenenti circa 10 grammi di marijuana divisa in tre dosi nonché dei contanti, presumibilmente provento dello spaccio.

Considerati gli esiti dell’ispezione, ritenendo che l’uomo potesse occultare presso la propria abitazione ulteriore sostanza stupefacente, i baschi verdi di Pescara hanno effettuato una perquisizione domiciliare nel corso della quale sono stati rinvenuti ulteriori quattro involucri di cellophane trasparenti contenenti 280 grammi di marijuana, un bilancino di precisione e numerose bustine di cellophane utilizzate per il confezionamento delle dosi da smerciare.

L’uomo è stato denunciato per l’ipotesi di spaccio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *