I Comuni del bacino del Feltrino e della Costa dei Trabocchi presentano la candidatura al Programma Life 2020

Dopo mesi di intensa attività lavorativa, l’Ufficio Unico per la Programmazione e la Progettazione dei Comuni del bacino del Feltrino e della Costa dei Trabocchi ha presentato la candidatura al cosiddetto “Programma Life 2020”, che finanzia importanti progetti su ambiente, natura e clima. Al progetto partecipano i Comuni di Lanciano (capofila), San Vito Chietino, Treglio, Fossacesia, Rocca San Giovanni, Frisa e Castel Frentano, ai quali si sono unite anche le società Sasi ed Ecolan e il Dipartimento di Ingegneria e Geologia dell’Università degli Studi “G. d’Annunzio” di Chieti e Pescara. Il contributo richiesto, per attuare il progetto denominato “Wateract”, ammonta a poco più di duemilioni e centocinquantamila euro. Gli interventi previsti nel programma, se finanziati, partiranno agli inizi del 2022 e termineranno alla fine del 2025. Gli obiettivi previsti nel progetto sono finalizzati a ridurre le criticità e i rischi ambientali, che mettono a rischio i bacini e le risorse idriche. Si prevedono pertanto interventi mirati al ripristino di uno stato ambientale ritenuto soddisfacente. Tra questi l’affinamento degli scarichi di depurazione, azioni di disinquinamento delle acque, miglioramento degli scarichi, creazione di fitodepuratori e di fasce tampone. Inoltre azioni per la riduzione del rischio geomorfologico, di realizzazione di sistemi di allertamento per le emergenze alluvionali e di disciplina del drenaggio delle acque meteoriche, di raccolta di microplastiche in mare, gestione degli imballaggi in polistirolo, raccolta di rifiuti sulle spiagge e di disinquinamento delle acque interne che comportino anche il miglioramento delle acque costiere. Azioni di rimozione dei rifiuti abbandonati e di controllo dei siti di abbandono per il riuso dei rifiuti. Azioni di bonifica di siti inquinati, di mappatura di suoli e per lo smaltimento di reflui agricoli.

Il progetto, attualmente redatto a livello preliminare, è stato predisposto da un gruppo di lavoro composto da Sara Di Toro per il Comune di Lanciano, Silvia Ferrante per il CDCA Abruzzo, Nicola Labbrozzi sindaco del Comune di Frisa e membro dell’Ordine dei Geologi della Regione Abruzzo, Tommaso Pagliani per la SASI S.p.A., Tommaso Piacentini per l’Università d’Annunzio di Chieti-Pescara, Sarah Rulli e Lorenzo Rossi  per l’Ufficio unico di progettazione e programmazione dei Comuni del bacino del Feltrino e della Costa dei Trabocchi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *