Asl2, al via assunzione di 200 infermieri

La Asl Lanciano Vasto Chieti investe sul personale, per valorizzarne l’impegno lavorativo e rafforzare la pianta organica, anche al fine di favorire il recupero delle prestazioni rimaste in sospeso durante la recente pandemia. 

E’ stato infatti completato l’avviso a tempo determinato per il reclutamento di 220 infermieri, destinati a rafforzare le unità operative già in sofferenza per le carenze di organico e che hanno dovuto al tempo stesso affrontare l’emergenza Covid-19. I contratti, più stabili sia per la durata sia per le garanzie rispetto ai rapporti flessibili, saranno siglati nei prossimi giorni. 

A tempo di record, nel corso di due soli incontri, è stato inoltre raggiunto l’accordo con le organizzazioni sindacali e con la rappresentanza unitaria per quanto riguarda le progressioni economiche orizzontali al personale del comparto. Ne beneficeranno circa 1.700 dipendenti, ovvero il 50% di quelli in organico, la percentuale massima prevista dalla normativa in materia. A seconda delle diverse fasce retributive, l’importo annuale aggiuntivo in busta paga varierà da un minimo di 300 euro a un massimo di circa 1.300 euro. 

L’Azienda, rappresentata dal direttore amministrativo Giulietta Capocasa, ha accolto la proposta dei sindacati di destinare a tal fine 1,5 milioni di euro finanziati dal relativo fondo contrattuale. 

Le attività di selezione inizieranno il prossimo settembre e si concluderanno entro fine anno mediante l’utilizzo di tecnologie informatiche per la valutazione di ciascun dipendente e la determinazione del punteggio derivante dai titoli di servizio, di carriera e di studio. Il beneficio sarà erogato con decorrenza dal 1° gennaio 2020.

Va inoltre ricordata la recente stabilizzazione degli infermieri che avevano lavorato per più anni in Azienda e hanno maturato i requisiti previsti dalla legge Finanziaria.

«L’accordo raggiunto con i sindacati – commenta Giulietta Capocasa – rappresenta un segnale importante per il riconoscimento e la valorizzazione del lavoro svolto dal nostro personale, nonché della condivisione delle scelte con le stesse organizzazioni che rappresentano i dipendenti. Queste misure si inseriscono in un ampio quadro di azioni che intende rendere più efficaci le risposte sanitarie ai nostri assistiti».

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *