Tribunale Lanciano. in arrivo 3 assistenti amministrativi

Tre assistenti amministrativi per il Tribunale di Lanciano. Lo rende noto Elisabetta Merlino, del Gruppo consiliare PD, Presidente Commissione Bilancio Consiglio Comunale di Lanciano. La notizia giunge per quanto emerso dalla conferenza stampa del PD di Avezzano con il sottosegretario alla Giustizia Andrea Giorgis, tenutasi il 5 agosto scorso, nel corso della quale Giorgis ha annunciato che presto arriveranno tre assistenti amministrativi al Palazzo di Giustizia di Lanciano.

A gennaio scorso, su iniziativa del segretario regionale PD Michele Fina e del vice segretario regionale PD Merlino, una delegazione dei democratici abruzzesi, alla quale ha partecipato anche il sindaco Mario Pupillo, è stata ricevuta dal sottosegretario a Roma e in quell’occasione è stata portata sul tavolo la difficile situazione dei tribunali minori abruzzesi soppressi, ma in regime proroga, in relazione all’esiguo personale di cui dispongono.

Con l’arrivo delle nuove unità gli uffici giudiziari potranno respirare una boccata di ossigeno almeno fino al 2022, quando cesserà la proroga. E’ di questi giorni l’ulteriore buona notizia che la prima commissione regionale Bilancio, Affari generali e istituzionali ha approvato all’unanimità il progetto di legge n. 71/19 recante “Nuova organizzazione dei tribunali ordinari e degli uffici del pubblico ministero a norma dell’art. 1 comma 2 legge 14 settembre 2011 n.148 e ss modificazioni”, accogliendo l’emendamento con primo firmatario Silvio Paolucci.

Nella formulazione originaria il testo prevedeva che le spese di gestione e manutenzione degli immobili e di retribuzione del personale di custodia e vigilanza delle strutture adibite alle funzioni giudiziarie fossero a carico della Regione e dei Comuni. Grazie all’emendamento presentato dal PD e condiviso con gli altri partner di minoranza, tutte le spese dovranno essere a carico della Regione con esclusione dei Comuni che nel corso degli anni hanno impegnato ingenti somme per far fronte ai costi giudiziari.

Il partito democratico di Lanciano, proseguendo in tutte le interlocuzioni nazionali, regionali e locali, conferma il suo impegno perché vengano riconosciute e sancite le esigenze di equilibrio dei territori ed evitati squilibri forieri di conseguenze ancor peggiori per la gestione delle necessità dell’amministrazione della giustizia e, in attesa di una più ampia riforma della giustizia, auspica una ulteriore riflessione del Governo sulla necessità di mantenere sul territorio presidi di giustizia e di legalità indispensabili al pari dei presidi di sanità e sicurezza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *