Coronavirus Abruzzo: casi positivi a 3777 (+4 da ieri)

Sono complessivamente 3777 i casi positivi al Covid 19 registrati in Abruzzo dall’inizio dell’emergenza.

Rispetto a ieri si registrano 4 nuovi casi (di età compresa tra 18 e 52 anni), mentre il numero dei pazienti deceduti resta fermo a 472.

Nel numero dei casi positivi sono compresi anche 2878 dimessi/guariti (+6 rispetto a ieri, di cui 14 che da sintomatici con manifestazioni cliniche associate al Covid 19, sono diventati asintomatici e 2864 che hanno cioè risolto i sintomi dell’infezione e sono risultati negativi in due test consecutivi).

Gli attualmente positivi in Abruzzo (calcolati sottraendo al totale dei positivi, il numero dei dimessi/guariti e dei deceduti) sono 427 (-2 rispetto a ieri).

Dall’inizio dell’emergenza Coronavirus, sono stati eseguiti complessivamente 157035 test.

35 pazienti (-2 rispetto a ieri) sono ricoverati in ospedale in terapia non intensiva; 1 (invariato rispetto a ieri) in terapia intensiva, mentre gli altri 391 (invariato rispetto a ieri) sono in isolamento domiciliare con sorveglianza attiva da parte delle Asl.

Del totale dei casi positivi, 422 sono residenti o domiciliati in provincia dell’Aquila (+6 rispetto a ieri), 914 in provincia di Chieti (+6), 1694 in provincia di Pescara (+3), 711 in provincia di Teramo (invariato), 31 fuori regione (invariato) e 5 (-16) per i quali sono in corso verifiche sulla provenienza.

Al netto dei riallineamenti e delle residenze accertate, i 4 nuovi casi di oggi si riferiscono alla provincia dell’Aquila (3) e di Chieti (1).

Lo comunica l’Assessorato regionale alla Sanità.

ASL 2, AL VIA I TEST SIEROLOGICI PER IL PERSONALE DELLA SCUOLA

Al via da oggi in provincia di Chieti i test sierologici per la ricerca degli anticorpi anti-SARS-Cov-2 per il personale docente e non docente della scuola. Com’è noto, gli interessati possono farne richiesta al proprio medico di medicina generale o, in alternativa, al Distretto sanitario di riferimento qualora questi non avesse aderito alla campagna oppure l’operatore scolastico non ne abbia uno nel territorio Asl. Massiccia la partecipazione fin da queste prime ore, con prenotazioni giunte a centinaia per telefono o via E-mail agli operatori dei Distretti, dove i test sono in esecuzione già da questa mattina, anche se è stata indicata come preferenziale la fascia oraria pomeridiana, dalle 14.00 alle 18.00, per l’esecuzione del test.

Tutta la procedura è stata informatizzata, per cui il flusso dati è assolutamente garantito: la Asl Lanciano Vasto Chieti, infatti, all’interno della piattaforma informatica Smart Test, già utilizzata per la richiesta dei tamponi naso-faringei, ha messo a disposizione dei medici di medicina generale e delle strutture territoriali una funzione per registrare gli esiti dei test sierologici rapidi per il personale scolastico, sempre in modalità protetta e conforme al GDPR sulla privacy. 

«La presenza di un sistema informativo per la gestione dei test sierologici per il personale scolastico è di estrema importanza – sottolinea il Direttore generale della Asl, Thomas Schael – sia per l’elevato numero di test sia per integrare questo processo nel percorso di screening e prevenzione del Covid-19. Abbiamo fortemente creduto nella necessità di un’interfaccia digitale con i medici di medicina generale, la cui collaborazione in questa campagna, in particolare, è preziosa».  La Asl Lanciano Vasto Chieti è tra le prime in Italia ad avere realizzato una piattaforma dedicata, che alimenta il flusso dati regionale e permette, a livello aziendale, di rintracciare tutte le attività svolte in ambito Covid-19. 

Vale la pena ricordare che gli operatori scolastici interessati al test sierologico devono presentarsi con un documento di identità valido e un’autodichiarazione (che può essere scaricata da www.asl2abruzzo.it e compilata in anticipo per ridurre i tempi) in cui si  attesta l’appartenenza alla categoria. In caso di esito positivo, sarà disposta l’esecuzione del tampone oro-nasofaringeo entro 24-48 ore al massimo in uno dei “drive-in” attivati dalla Asl a Ortona e Atessa. Possono evitare il test e fare direttamente il tampone docenti e personale non docente rientrati in provincia di Chieti da altre regioni, presentandosi al “drive-in” a disposizione dal lunedì al sabato: a Ortona la postazione è attiva nel viale d’ingresso all’ospedale dalle ore 8 alle 18; ad Atessa, davanti al “San Camillo”, dalle ore 8 alle 14.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *