Pescara: la Polizia arresta donna di 52 anni per spaccio di cocaina

Oltre due mesi di indagini da parte della Polizia con diverse dosi di cocaina, trovate in possesso dei vari acquirenti controllati subito dopo l’acquisto, sequestrate; cesisoni che avvenivano in una abitazione, trasformata in una sorte di bunker con telecamere e doppie cancellate per evitare visite indesiderate delle forze dell’ordine. A gestire il traffico, una donna di 52 anni, M.S., pregiudicata e con precedenti anche per reati in materia di stupefacenti, nei confronti della quale è stata emessa, sulla base di accurate indagini da parte della Polizia, una ordinanza di custodia cautelare in carcere, disposta dal G.I.P. presso il Tribunale di Pescara, su richiesta della Procura della Repubblica. La donna è stata rintracciata dagli uomini della Squadra Mobile nella sua abitazione e tradotta presso il carcere di Teramo.

Gli agenti della sezione antidroga della Questura pescarese hanno raccolto prove con le quali la locale Procura della Repubblica ha contestato alla donna ben 19 capi d’imputazione provvisoria, tutti riconducibili a cessioni di sostanza stupefacente nei confronti di un nutrito numero di assuntori, consumatesi nell’arco di circa un anno.

A seguito di mirati e ripetuti servizi di osservazione condotti nei pressi dell’abitazione di M.S., i poliziotti hanno avuto modo di riscontrare come la stessa fosse dedita ad un’intensa attività di spaccio di cocaina, venduta a numerosi avventori all’interno della sua casa. Nel corso degli appostamenti di polizia giudiziaria, svolti a partire dal luglio scorso, sono state sequestrate diverse dosi di cocaina, trovate in possesso dei vari acquirenti controllati subito dopo gli incontri con la donna; incontri che avvenivano nell’abitazione, protetta quasi fosse un “fortino” con tanto di telecamere puntate sulla strada, cui si accedeva salendo una scalinata con doppio cancello, che veniva accuratamente chiuso prima di far entrare la clientela, in modo da scongiurare “indesiderate visite” delle forze dell’ordine.

Molti dei clienti della donna, controllati dalla polizia subito dopo l’acquisto della dose, hanno confermato negli uffici della squadra mobile gli elementi di responsabilità già emersi in capo a M.S., riferendo altresì di precedenti e ripetute cessioni, ad opera della predetta.

All’atto dell’esecuzione della misura cautelare M.S. è stata trovata in possesso di 7 grammi di cocaina, riposta su un mobile del suo appartamento unitamente ad un bilancino di precisione, pronta per essere venduta. E’stata pertanto anche denunciata per la relativa detenzione ai fini di spaccio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *