601 nuovi positivi e 8 decessi nelle ultime 24 ore. 38 i ricoverati in terapia intensiva

Dall’inizio della pandemia il virus ha colpito 12120 abruzzesi. Dei 601 nuovi casi 104 riguardano persone con età inferiore ai 19 anni

Sono complessivamente 12120 i casi positivi al Covid 19 registrati in Abruzzo dall’inizio dell’emergenza.

Rispetto a ieri si registrano 601 nuovi casi (di età compresa tra 9 mesi e 103 anni). Dei nuovi casi, 296 sono riferiti a tracciamenti di focolai già noti.

I positivi con età inferiore ai 19 anni sono 104, di cui 12 in provincia dell’Aquila, 15 in provincia di Pescara, 37 in provincia di Chieti, 34 in provincia di Teramo e 6 per i quali non è indicata la residenza.

Il bilancio dei pazienti deceduti registra 8 nuovi casi e sale a 564 (di età compresa tra 53 e 94 anni, 4 in provincia dell’Aquila, 3 in provincia di Teramo, 1 in provincia di Pescara).

Nel numero dei casi positivi sono compresi anche 3909 dimessi/guariti (+37 rispetto a ieri).

Gli attualmente positivi in Abruzzo (calcolati sottraendo al totale dei positivi, il numero dei dimessi/guariti e dei deceduti) sono 7610 (+519 rispetto a ieri).

Dall’inizio dell’emergenza Coronavirus, sono stati eseguiti complessivamente 298279 test (+3685 rispetto a ieri).

429 pazienti (+28 rispetto a ieri) sono ricoverati in ospedale in terapia non intensiva; 38 (+5 rispetto a ieri) in terapia intensiva, mentre gli altri 7180 (+523 rispetto a ieri) sono in isolamento domiciliare con sorveglianza attiva da parte delle Asl.

Del totale dei casi positivi, 3494 sono residenti o domiciliati in provincia dell’Aquila (+150 rispetto a ieri), 2280 in provincia di Chieti (+181), 2990 in provincia di Pescara (+102), 3095 in provincia di Teramo (+160), 76 fuori regione (invariato) e 185 (+8) per i quali sono in corso verifiche sulla provenienza.

Lo comunica l’Assessorato regionale alla Sanità.

DRIVE IN: APERTURA IMMINENTE A CHIETI, ALLO STUDIO SOLUZIONE PER LANCIANO

Cambia la mappa dei drive in per l’esecuzione dei tamponi in provincia di Chieti. Una riorganizzazione si rende necessaria per fare fronte all’evoluzione drammatica della pandemia anche in questo territorio che, in alcune circostanze, mette in crisi la viabilità e la normale circolazione degli autoveicoli proprio a causa delle code che si generano nei pressi delle postazioni. 

Chieti. E’ piaciuta al sindaco Diego Ferrara la proposta del direttore generale della Asl, Thomas Schael, di istituire un drive in al Palazzetto dello sport del Tricalle, una soluzione che consente un flusso delle auto ordinato senza intralciare il traffico. Questa mattina è stato compiuto un sopralluogo sul posto a cui hanno preso parte, oltre al primo cittadino e allo stesso manager, anche i tecnici del Comune e della Asl e il comandante della Polizia locale, Donatella Di Giovanni. Tutti concordi sulla validità della proposta, che ora sarà formalizzata con una lettera di Ferrara indirizzata alla Direzione Asl. Si prevede, quindi, di aprire la nuova postazione nel capoluogo nei primi giorni della prossima settimana. 

Lanciano. Sempre questa mattina il direttore generale della Asl ha inviato una richiesta al sindaco, Mario Pupillo, e al presidente del consorzio “Lanciano Fiera”, Franco Ferrante, per ubicare una postazione drive in negli spazi del Polo fieristico. Si tratta di una proposta che la Direzione Asl invita a valutare negli aspetti pratici, chiedendo una verifica sul posto alla presenza del primo cittadino e di Ferrante. L’attivazione di un drive in a Lanciano sarebbe utile a rispondere alle necessità dell’area Frentana e del Sangro-Aventino, anche in considerazione della necessità di fare cessare l’attività ad Atessa per avviare i lavori di ristrutturazione del Pronto soccorso e lasciare spazio al cantiere. La Asl è pronta ad attivare la postazione immediatamente se arriverà il via libera di Comune e Fiera. 

Ortona. La massiccia affluenza di auto che si registra nella postazione attivata all’esterno dell’ospedale ha creato disagi alla circolazione e, in alcune giornate, mandato in tilt il traffico, pertanto una diversa ubicazione si rende necessaria. A partire da metà novembre il drive in sarà collocato in contrada Tamarete, presso la zona artigianale, a poca distanza dall’uscita del casello A14. L’area individuata, già a disposizione della sede locale della Protezione civile, è ampia e dotata di un modulo container attrezzato con strumenti di sanificazione. 

La rivisitazione della mappa delle postazioni mobili non sarà l’unica novità per l’esecuzione dei tamponi, perché sempre dalla prossima settimana entrerà in funzione un sistema di “eliminacode” con prenotazione oraria per disciplinare l’accesso degli utenti e ridurre l’attesa. Contestualmente una corsia privilegiata sarà riservata all’età pediatrica (0-16 anni): potranno accedere liberamente ai drive in dalle 8.00 alle 9.30, fascia oraria nella quale avranno la priorità. Resterà comunque la possibilità di presentarsi anche negli altri orari, previa prenotazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *