Pescara, due imprenditori colpiti da misure interdittive e sequestri per oltre 1,6 milioni di euro

Nove immobili situati nelle province di Pescara, Teramo, L’Aquila e Napoli, quote societarie di nove persone giuridiche (di cui 8 con sede in provincia di Pescara ed una in provincia di Roma) e 17 rapporti bancari/finanziari per un importo complessivo di oltre 1,6 milioni di euro, sono stati sequestrati dai finanzieri del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Pescara, che hanno dato esecuzione ad una misura cautelare interdittiva (divieto di esercitare le funzioni direttive delle persone giuridiche e delle imprese, per la durata di un anno) nei confronti di due soggetti, ai quali sono state contestate responsabilità penali per reati fallimentari e tributari, auto-riciclaggio di beni di provenienza illecita e falsità ideologica commessa da privato in atto pubblico. L’attività è stata effettuata in esecuzione di un’ordinanza emessa dal G.I.P. presso il Tribunale di Pescara, su richiesta della locale Procura della Repubblica, all’esito di un’ampia ed articolata attività d’indagine nata a seguito del fallimento di una società di capitali operante in Pescara.

In particolare, i due soggetti (legati da stretti vincoli di parentela) che condividono da diversi anni gli stessi interessi imprenditoriali attraverso partecipazioni e cariche societarie in attività di costruzione di edifici, si sono resi responsabili, in concorso tra loro, della sottrazione fraudolenta di beni al pagamento delle imposte, attraverso la sottoscrizione di negozi giuridici simulati da una società pesantemente indebitata con l’Erario, a favore di altra società, sempre riconducibile ai medesimi, successivamente fallita.

Gli immobili così pervenuti alla stessa – peraltro successivamente fallita – sono stati poi fraudolentemente distratti a favore di una terza società, sempre riconducibile agli indagati, attraverso la stipula di contratti di compravendita anch’essi simulati, con grave pregiudizio dei creditori della società fallita.

Ad uno degli indagati è stata poi contestata anche la falsità ideologica, poiché, al fine di sottrarsi alle indagini per il delitto di bancarotta fraudolenta, presentava ad altra forza di polizia, una denuncia di danneggiamento della documentazione contabile di una società a lui riconducibile, successivamente fallita.

Ad entrambi gli indagati sono state addebitate anche condotte di auto-riciclaggio, poiché, avendo commesso e/o concorso a commettere i delitti di bancarotta fraudolenta e sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte, trasferivano e reimpiegavano nell’attività economica di una società a loro riconducibile i beni proventi dei citati delitti in modo da ostacolarne concretamente l’identificazione della provenienza delittuosa.

Oltre alla misura interdittiva notificata agli indagati, i militari del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria hanno dato esecuzione al sequestro diretto e per equivalente, sino alla concorrenza di un valore di euro 1.656.000,00 di:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *