Omessa manutenzione di 4 viadotti sulla A25: indagato il vertice di Strada dei Parchi

I vertici di Strada dei Parchi Spa, il presidente del Cda, Lelio Scopa, l’amministratore delegato, Cesare Ramadori, il direttore generale di esercizio, Gino Lai, il direttore operativo, Marco Carlo Rocchi, il direttore tecnico, Gabriele Nati, il predecessore, Mario Bellesia (in carica fino a ottobre 2017) e il responsabile settore Viabilità, Manutenzione e Ambiente, Marco Pellicciardi sono indagati, a vario titolo, in concorso tra loro, per inadempimento di contratti di pubbliche forniture e attentato alla sicurezza dei trasporti. Sette in tutto tra cui. I provvedimenti sono stati presi sulla base delle indagati nell’ambito di un’inchiesta della Procura di Pescara (titolare del fascicolo il sostituto procuratore Luca Sciarretta) relativa ai lavori di manutenzione dell’A25. Per l’accusa, vi sarebbe stata l’omessa manutenzione di alcuni viadotti, che avrebbe messo “in pericolo la sicurezza dei pubblici trasporti autostradali”. I ponti finiti sotto la lente d’ingrandimento sono quelli denominati “Popoli”, “Bussi”, “Gole di Popoli” e “Svincolo di Bussi”.

Delle indagini, nate nel 2018 da un esposto delle associazioni ambientaliste Forum H2O, SOA e Nuovo Senso Civico, si sono occupati i Carabinieri Forestali di Pescara. Gli indagati non avrebbero eseguito i dovuti interventi di manutenzione, non avrebbero fornito al ministero le informazioni necessarie alla verifica degli interventi eseguiti e, di conseguenza, “facevano mancare opere necessarie a un pubblico servizio, non assicurando la funzionalità e l’esercizio in sicurezza dell’infrastruttura A25 Torano-Pescara. E ancora: avrebbero contribuito alla diminuzione delle condizioni di sicurezza” di quattro viadotti. Inoltre avrebbero messo “in pericolo la sicurezza dei pubblici trasporti autostradali, mantenendo in pieno esercizio” gli stessi viadotti. Gli indagati – secondo quanto viene ipotizzato dall’accusa, “non eseguivano i dovuti interventi di manutenzione ordinaria, sia predittivi (impermeabilizzazioni, protezioni anticorrosive, verniciature, corretta regimazione delle acque di piattaforma ecc.) sia di riparazione, tesi a salvaguardia, conservazione e ripristino delle opere d’arte, costituite da pile, impalcati, solette e strutture in genere dei viadotti dell’A25 Torano – Pescara, tra i quali anche i viadotti Popoli, Bussi, Gole di Popoli e Svincolo di Bussi”. Gli effetti dei mancati interventi consistono in “avanzati stadi di degrado manutentivo”. Gli indagati, inoltre, “fornivano al ministero Infrastrutture e dei Trasporti informazioni e dati insufficienti e generici, sia in sede di programmazione annuale sia in sede di rendiconti consuntivi, in guisa da non consentire al personale del ministero di verificare entità e tipologia degli interventi di manutenzione ordinaria programmati ed eseguiti”. Fatti commessi “almeno dal novembre 2009, con consumazione ancora in atto nel mese di novembre 2020”. A causa di tali condotte, “mettevano in pericolo la sicurezza dei pubblici trasporti autostradali, mantenendo in pieno esercizio” i quattro viadotti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *