“Scarseggiano le bombole d’ossigeno”. Allarme di Federfarma

Federfarma, l’associazione che riunisce oltre 18.000 farmacie in Italia, lancia l’allarme: mancano bombole di ossigeno per le cure domiciliari di pazienti affetti da patologie respiratorie o connesse al Covid-19, in particolare in Abruzzo, Basilicata, Campania, Liguria, Valle d’Aosta e alcune zone del Piemonte e della Sicilia”.

Il codice rosso è scattato dopo un monitoraggio effettuato dalla Federfarma, che invita ora i cittadini che hanno a casa bombole di ossigeno che non usano di riportale in farmacia.

A puntare l’attenzione su questo problema, che preoccupa sempre di più in concomitanza con l’aumento di contagi nel nostro Paese, è un tavolo di confronto avviato dall’Agenzia Italiana del Farmaco (Aifa) con Federfarma e Assogastecnici (che riunisce le aziende che producono e distribuiscono gas speciali e medicinali) per assicurare le terapie necessarie a tutti i malati in assistenza domiciliare.

La restituzione delle bombole di ossigeno in farmacia è necessaria per garantire la disponibilità di ossigeno terapeutico a tutti i malati affetti da patologie respiratorie o colpiti da Covid-19 – afferma il presidente di Federfarma Nazionale Marco Cossolo.

Una volta riconsegnate in farmacia, infatti, come previsto dall’Aifa, potranno essere sanificate e riempite di ossigeno terapeutico per un nuovo utilizzo. Le farmacie, da parte loro, hanno dato la più ampia disponibilità a collaborare per agevolare l’accesso ad un farmaco salvavita, qual è l’ossigeno terapeutico. E per sensibilizzare la popolazione sul problema partirà a breve una campagna di comunicazione promossa da Aifa, in collaborazione con Federfarma e Assogastecnici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *